L’amore affamato: la dipendenza d’amore

//L’amore affamato: la dipendenza d’amore
  • domande indecenti

“Il mondo ha più fame d’amore che di pane”
  Madre Teresa di Calcutta

Amare spaventa.
Amare troppo e male, ancor di più.
L’amore, se malsano e tossico, esattamente come un tarlo, lavora in silenzio nella nostra psiche, creando gallerie.
Sottopassaggi verso il dolore.
Aprendo varchi verso la spossatezza. Fisica e dell’anima.
Nutrendo le voragini effettive.
Togliendo stabilità e coraggio.
Depauperando psiche e soma.

Qualche riflessione
Questo articolo nasce a seguito delle  costanti richieste di consulenze ricevute durante gli ultimi anni, riguardanti le pene d’amore e le sue cure.
Vivere in coppia non è semplice, e nemmeno indolore.
Spesso scegliamo partner che evocano figure parentali vicarianti: amorevoli ed accuditive.
Scelte collusive, malsane, letali.
Amori conflittuali
, collerici e dipendenti, creano coppie asimmetriche, formate da partners spesso irrisolti sul piano psichico: dominante e sottomesso.
Questi partners tentano – maldestramente ed invano -, di trovare la cura dei malanni dell’anima, nella coppia e nell’amore.

L’amore è curativo?
Lenisce le ferite dell’infanzia?
Può aiutare a crescere?

Amore e falsi miti
L’amore, se pur una dolce droga, non è quasi mai curativo né terapeutico, ma necessita per il suo nutrimento, e soprattutto sopravvivenza all’usura del tempo, la compresenza di due protagonisti “adulti” ed equilibrati.

Da cosa sono mossi gli “amore/dipendenti”?

La ferita dei non amati. Il dominio della mancanza d’amore, un doloroso imprinting iniziale
Un’originaria mancanza d’amore porta con sé tutta una serie di tante altre mancanze e lacune, che inevitabilmente andranno a sfociare nel rapporto di coppia, spesso compromettendolo.
La dipendenza d’amore nasce infatti, da una ferita d’infanzia, che chiamerò in questo articolo la “ferita dei non amati”.
La “ferita dei non amati”è spesso la causa di una carenza di “fiducia di base” e di amore verso se stessi che di conseguenza si ripercuote sul partner e sul legame d’amore.

Cosa accade nella psiche- e cuore -, del bambino che non è stato amato adeguatamente?

Di fronte ad un genitore algido e non disponibile sul piano affettivo, il bambino può tentare di mantenere il suo equilibrio psichico, cercando di minimizzare il comportamento dipendente verso il genitore evitante.
Solitamente poi, effettua uno “spostamento di tipo difensivo” verso l’altro genitore o figure genitoriali vicarianti, come nonne e zie.
Chi ha sperimentato quell’antica e dolente ferita, non sarà mai capace di “amarsi” e di  “amare”, e vivrà il legame con modalità illusorie, come se questo avesse un significato riparatore o di risarcimento affettivo.

La ferita dei non amati correla spesso, con un quadro di possibile “dipendenza affettiva”: il partner più debole e fragile, si lega irreversibilmente al partner più forte e dominante, lasciandosi nutrire e guidare nella vita, ogni sua possibile assenza o distanza genererà nell’altro lo sconforto ed angoscia più cupa.

Genitori e voragini affettive
Molto spesso alcuni genitori, con le loro modalità di comportamento e stile di affettività, hanno lasciato insoddisfatti i bisogni infantili, non nutrendoli adeguatamente.
Queste voragini psichiche, sono spesso dalla difficile elaborazione e cura, e si riproporranno poi nei successivi legami d’amore, creando delle inevitabili asimmetrie nella coppia.

Questi bambini decisamente poco amati durante l’infanzia, cresceranno con la consapevolezza di non valere mai abbastanza, di non essere mai degni di un sentimento d’amore puro e totalizzante, e saranno candidati ad un possibile “mal d’amore”.

Affettività: un tallone d’Achille 
L’affettività rimarrà sempre il loro tallone d’Achille e si percepiranno spesso vulnerabili ed un passo indietro rispetto al mondo.
Da adulti saranno corrosi dalla gelosia, dall’insicurezza, dal mal di vivere.
Ci sarà sempre una donna più bella, più amata.
Un uomo più potente, prepotente, seduttivo.
Mancheranno le parole per dirlo – l’amore -, ci sarà sempre qualcosa, un se o un ma, che renderà la loro vita di coppia un percorso ad ostacoli, irto di spine irritative nel fianco.
Quando all’interno della coppia uno dei due partners ha questo storico di sofferenza, cercherà di adeguarsi alle richieste del partner dominante per paura dell’abbandono, instaurando con lui dei legami simbiotici e fusionali.
La distanza sarà più una minaccia che una dimensione di equilibrio del vivere.
E la distanza dal mondo dell’altro, chimerica ed irrealizzabile.

Il ruolo  dell’amore e la fame d’amore
Una relazione d’amore deve adempiere ai bisogni di protezione e di sicurezza, ma nei casi di partners vulnerabili e dipendenti, tanto più forte è il legame che si svilupperà e tanto maggiori saranno le minacce potenziali che possono provenire da qualsiasi situazione esterna che metta in discussione il legame.
L’amore, in chi soffre di dipendenza, diventa una droga, una vera e propria necessità psico-fisica, fino a trasformarsi in gioia e dolore della loro vita.
Trattasi di un “amore affamato”, bisognoso, dipendente, ed all’interno del legame “vittima e carnefice” si alternano, nutrendo e mantenendo in vita la dipendenza affettiva.
Questi amori, sono amori abitati da un desiderio massiccio,  mai del tutto appagato, di amore assoluto e fusionale (nutrito sempre e comunque da angosce abbandoniche) spesso infatti, verranno caratterizzati dalla necessità di conferme da parte dell’altro, e da una “fame d’amore” atavica, ed insopportabile.
Una consulenza individuale, o di coppia, diventa la strada maestra verso la chiarificazione emotiva, e la protezione del legame.

Dottoressa Valeria Randone

By | 2017-03-30T08:21:27+00:00 17 ottobre, 2013|Categories: Articoli|Tags: |

Scrivi un commento

error: Content is protected !!