Ho soltanto 26 anni e mille difficoltà sessuali.
Finché non ho letto l’articolo della dottoressa Randone, per caso nel web, non sapevo che la mia problematica avesse un nome: TMS, cioè
traumatic masturbation syndrome” (sindrome masturbatoria traumatica)
https://www.valeriarandone.it/disfunzioni-sessuali-maschili/masturbazione-alternativa/
Pensavo fosse naturale, giusto, ovvio.
Il toccarmi con le mani non mi procurava nulla, nessun piacere, solo dolore, fastidio e disgusto.
In relata questo mio strofinarmi a pancia in giù – quando poi mi sono innamorato e ho finalmente avuto una fidanzata – mi impediva di avere una sessualità, diciamo, normale.
Perdevo l’erezione, non provavo piacere, e quando raramente, riuscivo ad essere pronto per un rapporto completo, non riuscivo a raggiungere né l’orgasmo né l’eiaculazione.
Sono andato dalla Dottoressa con mille ansia e paure, pensavo che mi pendesse per pazzo, invece mi ha capito e sapeva bene di cosa stavo parlando, conosceva le mie emozioni, il mio disagio, tutto di quello che aveva caratterizzato la mia sessualità e il mio autoerotismo sino a quel momento.
Per fortuna esiste il web e per fortuna ho letto l’articolo della dottoressa, altrimenti non avrei risolto nulla e sarei rimasto con il mio autoerotismo alternativo, nocivo e sbagliato!
Grazie dottoressa, grazie davvero.