Un clandestino a bordo

Clandestino a bordo Valeria Randone

I miei libri nascono da un’urgenza. Mi succede qualcosa, dentro o fuori di me, e sento la necessità impellente di trasferirla su carta. Un amore, un dolore del cuore, un abbandono, il racconto di un paziente che mi ha particolarmente emozionata diventa un articolo, un racconto, un libro.
Questo libro, “Un clandestino a bordo”, invece, nasce da un cammino.
Il cammino verso la ricostruzione di una storia, dei suoi frammenti, dei suoi ricordi importanti che diventano un presente irrinunciabile: che abbraccia e che consola. La storia della vita e della morte di mio padre, dell’attesa di una diagnosi e della gestione emotiva del dopo, dell’amore di una figlia che nella vita “aggiusta cuori” ma non ripara il suo, ambientata nell’assolata Sicilia, in riva al mare, tra barche, portolani, sentine, boe galleggianti e terapia di coppia.
È la rivisitazione di un dolore che si fa risorsa, cammino, presenza.
L’incontro-introspezione tra quello che non c’è più è quello che ci sarà per sempre; perché amare e lasciare andare, talvolta, sono la stessa cosa. 

“Quando ti sei trasferito altrove, hai imparato a utilizzare il linguaggio muto dell’amore per trasformare un legame che non finisce in una stabile presenza. Così, mi abbracci senza braccia. Mi parli senza voce. Mi raggiungi in sogno per farmi sapere che ci sei. Mi suggerisci, con garbo e dolcezza, nella profondità del silenzio, la strada da seguire e quella da evitare”

La Stampa presenta "Un clandestino a bordo" di Valeria Randone

A questo libro, La Stampa ha dedicato un articolo di presentazione nato dalla penna di Fulvio Cerutti.

1 Commento. Nuovo commento

  • Valeria Randone
    31 Agosto 2021 18:53

    “Arrivato stamattina e l’ho letto tutto.
    Bellissimo e terribile nella sua autenticità, tanto che ho capito perché dici che “amare vuol dire lasciar andare…” Ed ho capito anche perché hai cosi’ successo: ottima, seria professionista, ma soprattutto una persona splendida!
    Non cambiare mai”.

    Magda Muscara’ Fregonese (psicoanalista, amica, veneta).

    P.S: ho aggiunto io questo commento a cui tengo tanto. Perché la Collega che mi ha scritto non riesce a scrivere nel sito, così l’ho fatto io per Lei.
    Ci tenevo tanto.
    V. R

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto