Amami come se fosse la prima volta

Le vostre storie, le mie parole. Un’ipotetica lettera, scritta da una moglie stanca e invisibile (mia paziente), indirizzata al marito distratto.

Caro marito stanco,
fai l’amore con me come se fosse la prima volta. Non per necessità ma per desiderio. Non perché è sabato e i bambini sono a scuola, ma perché bruci di passione e di desiderio.
Non per fare pace, perché non funzionerebbe, ma per trovare parole nuove e scaldare i sensi intorpiditi.
Baciami a lungo, come se fossi avido e affamato. Con cupidigia, con strazio, come se non ci fosse un domani e nemmeno tanti ieri.
Nutriti delle mie labbra. Guardale, desiderale, mordile, assaporale come se non le avessi mai sentite prima.
Accarezzami e guardami, guardami e accarezzami. Gioca con i miei capelli, sistemali, scompigliali, odorali.
Percorri la mia schiena con le dita, polpastrello dopo polpastrello, vertebra dopo vertebra; lentamente, con pazienza, cura e curiosità.
Come quando passeggi in un bosco meraviglioso e respiri ogni cosa nella speranza che non finisca mai.
Accarezza le mie ferite, quelle che solo tu conosci, tu che sai dove si trovano, da dove nascono e quanto ancora siano ferite.
Non mi fare sentire forte perché non lo sono: vorrei tanto trovare asilo tra le tua braccia, dove non invecchia il cuore.
Assapora ogni istante, gustalo con lentezza, fammi sentire che ti piace, che ti piaccio. Strappami via da questa Siberia dei sentimenti.
Non fare entrare tra le nostre lenzuola quelle tue emozioni (tra)vestite con gli abiti dell’indifferenza.
Non fare sesso con me, solo amore. Tanto amore.
Io mi saprò schiudere a te e ti farò entrare dentro di me, nei meandri del mio cuore e del mio corpo, in luoghi che non pensavi di trovare.
Non mi rendere invisibile, scontata, uguale a molte altre donne, sarebbe un gran peccato. Perché io quando amo, amo per sempre, e vorrei tanto amare ancora te, solo te.

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto