Amori orfani di partner vivi

Sopportazione esigua e residua. Un fastidio malcelato che serpeggia e che inquina. L’aria che si fa pesante, spesso irrespirabile. Silenzi che puniscono. Il cellulare in ogni dove. Parole che feriscono. Baci evasi. Gestualità aggressiva. Una vita amorosa e sessuale zoppicante.
Questi e tanti altri sono i sintomi di un amore asintomatico ma letale, contagioso e indecoroso.
Partner asserragliati dentro vite amorose estinte, ma, nonostante ciò, cercando maldestramente di tenere in vita il loro legame nel ricordo di quello che erano un tempo e di cui hanno smarrito il sapore.
C’è chi va via e chi rimane, e chi via via rimanendo: la punizione più grande che ci sia.
In quest’ultimo doloroso caso, i coniugi scelgono la scissione: fedeli di corpo ma non di cuore, di cuore ma non di corpo. Comunque altrove.
Un amore intubato con la flebo della speranza, tenuto in vita con il ricordo e con il rimpianto, rimane un amore pericolante. Per metterlo in sicurezza diventa indispensabile guardare in faccia le crepe e le criticità, per poter fare un lavoro di manutenzione del legame, per evitare di cedere al fascino dello sconosciuto. E al tradimento.
Ci sono tradimenti che portano alla rottura, e rotture che portano al tradimento; distinguere gli uni dalle altre è il primo passo in direzione onestà del cuore.
Fare finta di niente, sopravvivere all’ombra di partner vivi ma sprovvisti di emozioni e cure, significa aprire il varco al compromesso.
L’arte del compromesso diventa (sempre, e talvolta per sempre) compromettente e conduce a un unico approdo: le aride sponde di una raccapricciante infelicità.

2 Commenti. Nuovo commento

  • giovanni borgarello
    16 Novembre 2020 23:26

    Molto bello. per fortuna, sono 68enne, non condivido queste condizioni con mia moglie anche se qualcosa è un po’ cambiato
    Nel rispetto e affetto reciproco siamo ugualmente consapevoli di aver avuto una bella vita insieme. Senza evidenti compromessi ma accettazione della realtà. Bello comunque quanto narrato. Complimenti. Continuerò a seguirla perché nel Suo esprimere c’è garbo e rispetto. Bravissima Gianni Borgarello

    Rispondi
  • alberto benedetti
    17 Novembre 2020 11:39

    credo che il vero segreto della felicità “per sempre” sia in realtà una proporzione inversa al grado di intelligenza e soprattutto cultura.
    quindi riassumendo :
    – cultura = più felicità
    + cultura = – felicità
    anche mia madre risposerebbe mille volte il mio papà. e lui farebbe lo stesso.
    ma li adoro lo stesso nella loro immensa imperfetta umanità.

    a tutti una buona giornata
    aby

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto