Non oso immaginare cosa potrebbe succedere. Sessantamila anime, strappate allo loro quotidianità di gioie e dolori, frustrazioni e paure, trasferite in strada per controllare le nostre bolle prossemiche e le nostre mascherine.
Esattamente come si fa, sbagliando, con i nostri figli adolescenti, verremo guardati a vista. Controllati, minacciati, redarguiti.
Non da un genitore amorevole e protettivo, non da un militare formato per fare ciò, non da un ausiliario del traffico, ma da una persona come noi. Con le nostre fragilità ed esigenze. Frustrazioni e dolori.
Diventeremo tanti adolescenti resi ancora più adolescenti e irresponsabili, nient’affatto autonomi, in grado di guardare al di la delle nostre spalle e della nostra mascherina. Diventeremo anarchici, ribelli e infastiditi, più inclini a sgattaiolare che a farci controllare.
Il clima emotivo sarà dei peggiori e la possibilità di litigare dietro l’angolo. Immagino scenari drammatici o grotteschi, dove la depressione si alterna alla rabbia, alla circospezione e agli sguardi in cagnésco. (Sei sorrisi siamo ormai sprovvisti).
Invece di instillare nei nostri cuori la cooperazione ci instillano la competizione; esattamente come quando frequentavamo la scuola, verremo suddivisi in buoni e cattivi, in chi fa la spia e riferisce al professore quello che andrebbe tenuto nascosto per il bene della classe e chi si butterà dalla finestra pur di evadere.
Sconfortati e provati, distanti e distanziati, diffidenti e spaventati, passiamo dalla claustrofobia fase uno alla complessa fase due.
Saremo separati da un muro invisibile che si chiama virus e da uno visibile che si chiama diffidenza. Ci saranno i buoni e i cattivi. Chi controlla e chi evade. Chi gioca a fare l’untore e chi lo sceriffo. Gli impavidi esploratori e i redenti.
Sempre più distanti, non solo di corpo ma anche di cuore.
Invece di aiutarci a farci sentire tutti sulla stessa barca, tutti responsabili dell’altrui e nostra vita, per mettere in funzionare quella bussola innata, potente e preponete che serve per salvarci la vita, ci rendono ostaggi dei controllori.
Forse, valutare la possibilità di arruolare qualche psicologo al governo non sarebbe poi così male.

Vuoi chiedermi qualcosa?

SCRIVIMI ADESSO

La tua privacy è al sicuro!
Il messaggio arriverà direttamente a me e risponderò io in persona.