Checco Zalone e la cicogna strabica

C’era una volta una cicogna,
amava volare alta nei cieli.
Attraversava i paesi e i continenti, svolgendo il suo lavoro con grande maestria. Quando giungeva in prossimità di un’abitazione e di una coppia, spiegava le sue grandi ali, volteggiava in cielo, perforava le nubi e lanciava il fagotto con il neonato a bordo direttamente dentro le case, per farlo giungere tra le braccia adoranti dei neo genitori.
E volava via, e altrove.
Tra tutte le cicogne liete e dedite al loro lavoro, ve ne era una strabica.
Anche lei amava solcare i cieli e compiere il proprio lavoro.
Il suo strabismo, non di Venere ma del tutto divergente, la obbligava ad essere goffa e un po’ impacciata.
Saltava a piè pari i cieli europei per dirigersi verso i cieli africani, il suo parco giochi del concepimento.
Puntava dall’alto le capanne e lanciava tanti fagotti con altrettanti neonati, il tutto un po’ a casaccio.
La pioggia di bambino neri era dettata dal suo strabismo – perché una cicogna sana non avrebbe mai lanciato tutti questi neonati proprio lì, proprio in Africa – e dal suo amoreggiare con una cicogna di sesso maschile e di color cioccolato.
Dal loro flirt ininterrotto nacquero tanti neonati, destinati alla fame, alla miseria e agli sbarchi.
Io amo l’Africa e Zalone, ma questa cicogna strabica e questo tentativo mal riuscito di educazione sessuale mi ha lasciato l’amaro in bocca.
Con questa storia non tanto a lieto fine, Checco Zalone spiega ai bambini africani il perché delle loro origini così sfortunate.
Zalone mi è sempre piaciuto tanto, ma in questo suo ultimo film, Tolo Tolo, sembrava un acrobata tra il voler essere sé stesso e divertire con la sua sottile ironia, e le acrobazie attuate per non trattare un tema così scottante come i migranti.
Che gran peccato! Far passare un messaggio così distorto a un bambino nero. Dirgli che è nato lì, in quel luogo così bello e unico ma altrettanto povero, a causa di una cicogna strabica, nonché sessualmente compulsiva, mi sembra alquanto riduttivo, se non offensivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto