Cironcisione fatta in casa. Bambino di cinque mesi muore

Taglia e cuci. Non stiamo parlando di un orlo, nel quale ci possiamo cimentare più o meno amatorialmete tutti noi.
Ma di una circoncisione, e per di più fatta in casa a un bambino di appena cinque mesi.
Il piccolo dopo essersi affacciato alla vita, ed essersi già scontrato con pregiudizi e false credenze, è morto nella notte tra venerdì e sabato all’ospedale Sant’Orsola di Bologna a causa degli esiti dell’intervento amatoriale.
I genitori di origine ghanese, senza rivolgersi ai medici, immagino per vergogna, pudore o delirio di onnipotenza di chi appartiene a una setta, hanno fatto tutto in autogestione.
La circoncisione assolve a svariati significati: religiosi, igienici, e sancisce l’appartenenza a una tribù.
Dalla quale è difficile, se non impossibile, prenderne le distanze senza subire il fascino malefico della manipolazione della mente e del cuore.
Adesso, mi chiedo, questi poveri genitori come faranno pace con la loro coscienza, e come sopravvivranno all’appartenenza alla tribù e ai sensi di colpa che questa scelta azzardata gli ha lasciato in dote?
Da mamma non trovo nessuna risposta, e da clinico nemmeno.
Sopravvivere a un figlio è la punizione più grande che ci sia.

Fonte: il Corriere della Sera

2 Commenti. Nuovo commento

  • Dottoressa ricordo che avevo 6 anni quando fui circonciso..i miei genitori mi portarono in ospedale, quei momenti prima dell’intervento li ricordo ancora…ero “coccolato” da tutti prima e dopo..questa notizia mi ha fatto pensare che quel bambino potevo essere anche io..viviamo un periodo storico “impegnativo” sotto ogni profilo.
    Buon Lavoro

    Rispondi
    • Valeria Randone
      25 Marzo 2019 16:04

      Buonasera e grazie per il suo racconto. La circoncisione è un intervento molto delicato anche dal punto di vista simbolico.
      È impensabile attuarlo in autogestione.
      Poveri genitori che sono rimasti!
      Un caro saluto

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto