Il mio IPhone, come del resto immagino faccia anche il vostro, mi aggiorna sul tempo che trascorro con lui. A ogni report scopro che siamo sempre più intimi. Scoperta davvero allarmante.
A volte penso ai tempi in cui non avevo le e-mail nel cellulare, e mi chiedo come facevo a vivere. Poi vado ancora indietro nel tempo e penso a quando non avevo il cellulare. A quando ricevevo le telefonate al telefono fisso di casa, e a quante ne smarrivo. Forse, felicemente.
Penso a quando ero digitalmente obsoleta e forse più serena.
Oggi una mia dolcissima paziente di sessant’anni mi ha detto che lei per scelta, almeno tre volte a settimana, non accende il cellulare.
Questa anarchia a giorni alterni la fa sentire libera. I suoi figli lo sanno, non si preoccupano, e se hanno bisogno di lei la chiamano a casa la sera, preferibilmente dopo cena. Poi mi ha anche detto che quello che non ha installato cellulare, come i social per esempio, è fritto di una decisone: ha scelto di non averli.
Mi racconta che si sente assediata dalle notifiche, invasa, oltraggiata. Stressata. Che odia sentirsi obbligata a leggere e anche a rispondere. Che non ama giustificarsi se non risponde o non sente il cellulare. Che ama passeggiare tra i corridoi del suo supermercato preferito senza la sua protesi emozionale che la ammanetta al fuori. Ama leggere le etichette dei cibi, soffermarsi su un’offerta o un nuovo yogurt e si sente felice.
Oggi si direbbe di lei che è una boomer. Una sorta di analfabeta tecnologica. Digitalmente obsoleta, ma a me sembra una donna libera.

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.
Chi ha una questione di cuore da raccontarmi e gradirebbe una risposta può scrivere qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto