Volto semi coperto. Labbra invisibili. Espressione amimica. Guanti e distanziamento sociale. Multati per uno slancio di entusiasmo o di affetto quando oltrepassiamo la nostra bolla prossemica in direzione bolla altrui.
La bolla é un luogo affascinante da abitare, da valicare o far valicare. Non è un posto per tutti: può essere abitata in maniera intermittente e la sua frequentazione non sempre è tutelata da un contratto a tempo indeterminato.
Noi tutti nasciamo con una bella bolla in dote che stabilisce lo spazio privato e quello sociale. Quello da fare oltrepassare e agli affetti e agli amori, e per i più socievoli o audaci, agli sconosciuti.
La bolla che ereditiamo quando nasciamo, come se fosse un pregiato corredo, dipende da tanti fattori. Da come e se veniamo amati. Da come e se veniamo toccati e accarezzati. Se ci viene instillata la diffidenza come se fosse un dono. La nostra bolla cresce o si rimpicciolisce in funzione delle batoste o dei risarcimenti della vita. Quando siamo felici e contenti la bolla sta buona e zitta, apre le porte del nostro mondo interno all’altro e il pugno di ferro si fa carezza. Quando siamo confusi e felici la bolla oscilla: ci protegge e ci espone, ci abbraccia e ci consegna al prossimo o al partner.
Gli amori meteora, gli amori presenti a intermittenza o tendenti alla fuga, hanno un rapporto ambivalente con la nostra bolla, e lei con noi, di conseguenza. Disorientano, disturbano, seducono e abbandonano, e la bolla mette in atto le sue strategie: ammortizza e stempera le calamità e le acidità.
La prossemica, bolle e goccioline a parte, è la scienza che studia lo spazio o le distanze che l’uomo adopera per lo comunicare o non comunicare. Per sedurre o per evitare un incontro. Per danzare verso il mondo e l’altro, per tenerlo a debita distanza.
Un territorio affascinante e utile in tempi di corteggiamenti in maschera, per sviluppare l’arte dell’ascolto dei gesti nel terreno del non incontro.

1 Commento. Nuovo commento

  • Buonasera Dottoressa, complimenti, sempre, per il Suo ampio campo visivo mentale e per la sua capacità di spiegare con linguaggio, dicotomicamente, semplice e forbito, ogni meccanismo semeiologico comportamentale a 360 gradi. L’educazione, l’ambiente, gli studi, la religione, il lavoro forgino la bolla, ma l’emotività individuale è assolutamente temprata dalla famiglia e dal rapporto coi genitori, padre e madre in misura diversa. In realtà non è il mio campo però cerco di ricordare l’infanzia…..e credo non ci sia stato alcun cambiamento nel rapportarmi alle persone,…credo anche fortunatamente. Ciò che ci è stato insegnato in famiglia è di non oltrepassare il confine dell’umiltà e del rispetto, e trattare ogni persona come uno scrigno di conoscenza e di esperienza, dal più ricco al più povero, anche i più cattivi, in ogni caso ogni persona ha ragione. La bolla è anche il risultato della propria ingenuità (la più grande dote ed arma intellettuale esistente al mondo, dalla maggioranza disprezzata e umiliata…..disprezzo che al tempo stesso muore suicida, di fronte all’evidenza), l’ingenuità e di colui che possiede un pensiero e delle idee governate e trainate dalla purezza e dalla lucidità di un’Anima profumata che desidera il meglio per chi abbiamo di fronte. L’istinto e l’audacia virile e maschile non cambiano, perché impressi e direzionati geneticamente, ma cambia il modo di entrare a casa delle persone. Adesso, ci troviamo in una situazione in cui le porte di casa sono chiuse a chiunque. L’intero viso è il linguaggio del nostro universo, e i suoi monili, occhi, naso, “labbra “, sono contaminati e celati da una mascherina……e non c’è nutrimento. Speriamo solo di non saltare i pasti ancora per molto tempo, perché non si arrivi all’anoressia emotiva.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto