Giorgio e Rosa e l’abbraccio muto

Gli amori d’altri tempi avevano il sapore dell’intensità e dell’eternità.
Della lotta, del sostegno e dell’aiuto. Del cammino condiviso. Dei figli e della fatica. E la magia dell’ultimo abbraccio.
Gli anni e le malattie li avevano resi fragili e forti, separati e uniti.
Giorgio e Rosa, dopo avere superato il Covid e lottato con un tumore, si sono dovuti separare. Avevano lottato in ospedale, sempre insieme, legati da quel filo invisibile che lega chi si ama e chi combatte come un guerriero per continuare a vivere con la persona che ha scelto come compagno di vita.
Rosa, proprio ieri, ha smesso di vivere, si è trasferita altrove e ha lasciato il suo Giorgio da solo.
La foto del loro ultimo abbraccio scattata da un’infermiera ha fatto il giro del web e ha scaldato il cuore di chi crede ancora nell’amore longevo e, forse, quello di chi non ci crede, per paura o per pudore.
Seduti l’uno accanto all’altra sul ciglio del letto d’ospedale, con i loro corpi esili e stanchi – ma non in esilio dal loro amore -, lui a viso scoperto e a pelle nuda, lei con la mascherina e i guanti.
Entrambi con una nuvola di capelli bianchi color neve, che gli incoronava e illuminava il volto solcato e impreziosito dal tempo.
In un’epoca di sentimenti sbandierati al vento dei social, nello spazio di quell’abbraccio muto c’è tutta la loro intensità e la loro storia. Un gesto che non ha bisogno di parole ma di eternità.
La memoria del cuore sopravvive a tutto, anche alla fine della vita, anche all’assenza dell’altro. Anche al tempo che scorre e anche alla morte.
A volte andar via è solo un modo per rimanere, in un’altra forma, ma sempre presenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto