Guardo il mondo da un oblò. Social e solitudine

Nelle terre dei social aumenta la solitudine ed aumentano le perenni connessioni per lenire la solitudine.
Insomma, il paradosso dei paradossi.
Uomini e donne, giovani e diversamente giovani, figli e genitori, tutti soavemente rapiti dai loro smartphone.
Sempre più soli in mezzo alla gente.
Questo è lo scenario ridondante a cui assistiamo inermi: in pizzeria, al ristorante, al mare, praticamente ovunque.
Tutti impegnati a sfogliare, mossi da un raptus acuto di curiosità, pagine Facebook altrui, account Twitter, e le storie di Instagram, interiorizzando immagini – tante – di perfetti sconosciuti.
Tutti fisicamente qua e mentalmente altrove.
Una pericolosissima dissociazione tra il fare ed il sentire che avvicina le persone lontane ed allontana quelle vocine, spesso irreversibilmente.
Un social regala l’illusoria sensazione di salire a bordo del tappeto dei desideri, di incontrare tante persone e di stare al sicuro, lontano da tutto e tutti.
In realtà, si corre il rischio di non scendere più da questo tappeto, rimanendo pericolosamente soli, senza difetti e senza affetti.
Social dopo social, ci troveremo a fare i conti con le nostre vecchie conoscenze come la noia, la mancanza d’amore e di socialità, quella vera, e la profonda solitudine.
Quindi, come canta Fedez, a furia di fotografare un tramonto non ti accorgi più di quanto sia profondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto