Il sesso e le parole. Il silenzio nuoce gravemente alla salute (sessuale)

In un’epoca di immagini, del cicaleccio petulante delle chat, strattonati dalla dittatura del momento, le parole e l’attesa sembrano non avere più diritto di cittadinanza, soprattutto sotto le lenzuola.
Il tutto e subito prende il posto dell’attesa.
Il sexting del corpo a corpo, e degli occhi negli occhi.
Il Viagra del desiderio e dell’erotismo.
E il silenzio delle parole.
Le parole, invece, agiscono sotto soglia e accendono il desiderio; soprattutto femminile.
L’udito è un senso orfano di utilizzo, sottostimato e poco valorizzato.
La voce calda e suadente diventa un abbraccio, anche via cavo, incarna il prolungamento di una mano che accarezza. Si trasforma in seduzione e sedazione; in empatia e simpatia.
In erotismo e passione.
Il suono della voce, unitamente ai contenuti e all’interiorità di chi amiamo, trasforma la sessualità in un avvolgente atto amoroso, meno ginnico e più profondo.
Le parole scaldano i sensi e scaldano il corpo.
Sono quelle vibrazione che partono dalla pancia, circumnavigano la schiena, attraversano le viscere e attivano il cervello. Le parole agganciano il desiderio sessuale femminile, lo prendono per mano, e lo conducono esattamente dove voleva essere condotto.
Fare l’amore con le parole equivale al trasformare l’altro nel destinatario di un privilegio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto