La caffettiera del masochista, coppia e comunicazione

Nel mezzo del cammino della mia formazione, mentre cercavo di capire come funzionava e come non funzionava una coppia, mi sono imbattuta in un libro dalla copertina atipica, intitolato “La caffettiera del masochista”.
L’immagine rappresentava un paradosso; in realtà, la caffettiera in questione aveva il beccuccio, da cui sarebbe dovuto uscire il caffè bollente, dallo stesso lato del manico.
Il libro analizzava i più svariati casi nei quali ci si imbatte, almeno una volta nella vita: spingere una porta invece di tirarla, rinunciare a lavarsi le mani perché non è facile azionare il rubinetto, e altri paradossi della modernità.
Ieri mi trovavo in seduta con una nuova coppia e il primo elemento che mi è saltato agli occhi è stato il loro modo di comunicare, assolutamente disfunzionale, nonché causa del loro mali coniugali e sessuali.
Oltre ad interrompersi, a non ascoltarsi l’un l’altro e prevaricarsi di continuo, era davvero singolare il loro modo di raccontare gli eventi vissuti: due versioni del tutto diverse e divergenti della stessa realtà.
Durante la seduta, mi è tornata in mente “La caffettiera del masochista”, cosi, ho ribadito a me stessa l’importanza del saper comunicare.
Nel lavoro, tra amici o colleghi, e in amore.
Il dialogo, fatto di parole e silenzi, di ascolto ed empatia, di rispetto e scambio, non sempre caratterizza le coppie, o per lo meno, non tutte.
La comunicazione disfunzionale in una coppia funziona esattamente come la caffettiera del masochista, fa fuoriuscire il caffè bollente – le parole malsane – dallo stesso lato del manico.
Sono parole che si rivoltano contro il legittimo proprietario.
Un dialogo ambivalente o aggressivo, caratterizzato da parole che bruciano, che ustionano, che creano delle ferite che stentano a cicatrizzare, lascia un retrogusto amaro che condurrà per mano chi parla – e non viene compreso – al silenzio.
L’incompreso, prima o poi, smetterà di parlare.
Chi, invece, viene investito da parole mute o aggressive, scapperà a gambe levate dallo spazio del dialogo.
Quindi, finché c’è lite c’é speranza, ma di questo ve ne parlerò in seguito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto