La coppia aperta. Il multitasking sessuale

“Caro/a, questa sera per sopravvivere a te e alla nostra coppia, mi distraggo con altro da te. Ma non ti nascondo niente. Promesso”.
I sostenitori della coppia aperta sono dei fautori del tradimento consentito: previa autorizzazione da parte del partner e con confessione postuma al tradimento.
Insomma, i partner che abitano una coppia aperta preferiscono la millantata e sin troppo abusata lealtà alla meschinità del tradimento.
Come se un tradimento dichiarato e condiviso annientasse il dolore da tradimento mistificato, agito alle spalle dell’ignaro coniuge.
Questa pratica sessuale non è immune da rischi e da postumi, e non rappresenta la soluzione salva coppia e salva fedeltà del cuore.
Scindere la sessualità dall’amore, nel tentativo di inseguire il brivido inedito della trasgressione simmetrica e sincera, non tutela la doppia da attacchi acuti di gelosia, da contagi di malattie sessualmente trasmissibili e da crisi di coppia.

Del cuore senza recinzione ne parlerò a lungo sulla mia rubrica “Amore non è solo amare”, su La Stampa. Vi aspetto con la puntata di febbraio, per festeggiare insieme il suo primo compleanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto