Si cercano, si trovano, si amano, si incastrano. Ridono e poi piangono. Si amano e si lasciano. Si maltrattano e ricominciano. L’eternità si alterna ai tradimenti, e i tradimenti al perdono.
Si desiderano, si posseggono e poi si negano. L’ambivalenza sessuale sigilla la sottomissione e nutre la passione. Sono due anime maltrattate e maltrattanti, si nutrono di tormenti e di strazi, di promesse non mantenute e di attese.
Si lasciano ma non si dimenticano.
Il dopo diventa un inferno, il passato torna prepotentemente a bussare alla porta del cuore, senza tregua e senza pietà.
Sembra un incontro di anime, un incastro perfetto, ma in realtà è un inganno perfetto.   L’incontro tra due fragilità: una negata e una palesata. Un partner narcisista e un partner che soffre di dipendenza affettiva.
Si tende a dare la colpa al narcisista, a demonizzarlo e considerarlo colpevole di ogni manovra oscura; in realtà, le sue alchimie e magie non esisterebbero se non trovasse il suo palcoscenico: la sua vittima.  Non dobbiamo chiederci chi è il narcisista, ma da chi è formata la coppia narcisistica.
Unico modo per salvare la vittima, inconsapevole, del suo carnefice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto