Per amore, solo per amore

Quante cose belle, intelligenti, sceme o ridicole facciamo e abbiamo fatto per amore. Quando le facciamo non ci rendiamo conto del valore e dell’intensità emotiva delle nostre azioni perché noi siamo le nostre azioni. Quando per un motivo o per un altro, siamo costretti a prendere le distanze (soprattutto temporali) da quella parte di noi perdutamente innamorata, guardiamo il mondo, il partner e noi stessi in lui con altri occhi. Decisamente più disincantati.
Torniamo indietro con la memoria a quello che siamo stati, a come siamo stati, a quello che abbiamo fatto, provato, sentito, e a volte ci sentiamo smarriti e inebetiti.
Ci ritroviamo a osservarci con sguardo retrospettivo e giudicante, e a pensare come eravamo.
Per amore, solo per amore, si provano, si sentono e si fanno delle cose incredibili e indicibili. A volte indimenticabili.
L’amore è quel luogo meraviglioso e mostruoso, oscuro e luminoso dove il cuore non smettere di battere, dove ignora del tutto ciò che la ragione tenta timidamente di dire, dove manca il fiato lasciando il posto alle emozioni, e dove si spostano le montagne con i gesti del cuore.
È quel luogo dove si ferma il mondo se l’altro non chiama o se non abbiamo sue notizie. Dove si ferma il cuore se per caso sparisce all’improvviso, e si ferma addirittura la vita se la relazione si interrompe.
Quel posto dove si guarda con sguardo adorante il partner che magari è già altrove, o lo era già mentre in realtà era ancora qua.
Talvolta si è reduci da fallimenti affettivi o in trappola e ingarbugliati in goffaggine coniugale; in questi casi si effettua un doloroso inventario mentale delle cause e degli investimenti vani, degli sbagli e dei rattoppi, senza cavare un ragno dal buco.
Altre volte, nel tempo o a causa del tempo, si moltiplicano gli errori di convivenza o di solitudine sino a farsi fame d’aria e di libertà.
Altre volte ancora si soffre e si è anche felici.
Un sortilegio di gesti e parole, di atti mancati e investimenti eccessivi, di assenza, di presenza e di oggetti interni, di parole piene e baci infiniti; questo per me è l’amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto