Piccolo spazio pubblicità. Amore e social

Social che vai, amore che trovi.
Giovani e diversamente giovani utilizzano i social come un’agorà virtuale.
Come una vetrina, un palcoscenico.
Un luogo dell’altrove dove esibire parti di sé, emozioni o presunte tali, amori, amanti e conquiste.
Questo piccolo spazio pubblicità, come sostiene il mio influencer preferito, Vasco Rossi, crea una confusione senza precedenti tra immaginazione e realtà.
Tra altro e se stessi.
Tra il virtuale e il reale, tra il reale e il virtuale.
La saracinesca che andrebbe sbarrata per tutelare le emozioni e il reale viene spalancata verso il virtuale, come se fosse una sorta di autopromozione continua verso il mondo; alla ricerca di amori, amanti, avventure o supplenze affettive, insomma, consolazioni per solitudini mascherate.
Chi posta lacrime e sorrisi, chi figli e cani, chi pietanze e lenzuola, in cambio di like e di emoticon a buon prezzo.
In una giornata di solitudine, per esempio, passare da un social all’altro, guardare il mondo da un oblò e spiare la vita altrui, più che distrarre dal rumore di fondo che si chiama sofferenza, solitudine, malumore o depressione, diventa una malsana strategia per mostrare e non sentire.
Per apparire e non essere. Per flirtare e non amare. Per trasformare le innocenti evasioni sentimentali in attentati alla coppia.
Quindi, social si, ma con un bugiardino salva psiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto