Nel complesso viaggio della vita, molte cose, a volte le più importanti, si vedono con le orecchie. In quell’affascinante viaggio da fermi. Altre con le mani e con i sensi, accarezzando e facendosi accarezzare. Altre ancora, le più banali, con la vista. Il senso più impertinente e giudicante che si sia.
Chi frequenta l’ascolto o lo promuove a compagno di vita, per lavoro, per amore o per diletto, impara ad ascoltare a occhi chiusi e a cuore aperto. Anche a distanza. Anche senza sentirsi obbligato a dover parlare, rispondere, interagire.
L’ascolto non è figlio di un dialogo di parole, ma è una danza di fiati e di cuore, di parole che si intrecciano con le emozioni. Di chi parla e di chi ascolta. Di chi le tira fuori e sceglie di condividerle, e di chi le riceve in dono. Quando si ama o si cura, l’ascolto dell’altro si fa viaggio.
Un itinerario sonoro fatto di soste, di rotatorie e di rispetto delle rispettive bolle prossemiche. Di chi parla, che solitamente si racconta per gradi, e di chi ascolta, che solitamente ha uno spazio interno generoso, ma non infinito.
Nella danza dell’ascolto il cuore ha un ruolo fondamentale: sente l’invisibile, il silente, l’irraggiungibile.
Decodifica, accoglie, tiene a sé e trasforma il sentire dell’altro unitamente al proprio.
Le parole diventano passi e ponti, uniscono gli strappi e sanano le ferite; tengono per mano e conducono in territori emotivi inesplorati, verso un ulteriore ascolto interiore, profondo e necessario.
Le parole, quelle che curano, che accarezzano e che ascoltano, rappresentano il punto di sutura tra ciò che si è frantumato e la sua possibilità di riparazione.
Nello spazio di un ascolto abita l’intimità, quella vera, senza vista ma con tanto cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto