Relazioni pericolose: quando l’amore incontra l’abitudine

Un giorno l’amore incontra l’abitudine, e fu amore a seconda vista.
Dal loro legame nacquero l’indifferenza, la noia, l’adulterio e l’abbandono.
Dal loro tacito accordo nacque il disaccordo, la sofferenza, la sciatteria emozionale e il desiderio di fuga.
Non esistono accordi prematrimoniali, bugiardini o prontuari, strategie varie o medicamenti preventivi, quando l’amore incontra la noia, la separazione è la sua logica conseguenza.
Le strategie intermedie sono tante: shopping compulsivo, vita online, sport estremo, amanti.
Qualche goccia di infedeltà dietro i polsi o dietro le orecchie, l’infedele o l’infelice, – l’infelice è un’infedele, e l’infedele è un’infelice -, indossa l’anima della festa nel tentativo maldestro di stemperare la tristezza e di fare il pieno di emozioni.
Nel rapporto tra infedeltà e coppia, nei secoli, si è instaurato un rapporto di grande esclusività, frutto di addestramento, di insoddisfazione e della non cultura dell’amore.
Quando l’amore incontra l’abitudine la meta finale è sempre la stessa: la fine di un amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto