Sei tutto ciò che vorrei

Siamo abituati a desiderare ciò che non abbiamo, e a essere ciò che non siamo.
Quando si ama, quando si ama davvero, questo non accade o non dovrebbe accadere. Così amiamo l’altro per quello che è e non per quello che vorremo che fosse, e ci consegnano al legame d’amore senza veli e senza quella maschera chiamata falso sé.

Ho immaginato di scrivere una lettera d’amore a firma di una persona innamorata (oltre ai pazienti in panne ho il privilegio di seguire anche gli innamorati e non sempre abbandonati).

Sei le braccia dove tornare.
Le labbra da assaporare, nelle quali smarrire i confini e trovarne altri.
Sei il mio cuore che batte e che si sposta dal suo solito posto alla gola. Sei il sogno, la speranza, il futuro, la magia.
Sei la pelle che amo e da cui mi faccio amare. Sei le carezze che ricevo la sera e al mattino quando mi sveglio.
Sei la presenza che rallegra le mie giornate e che silenzia il rumore del mondo.
Sei le mie risate e le mie lacrime. Sei la paura che ho di perderti e l’emozione che mi avvolge quando ti penso. Sei la certezza che ci sei e che ci sarai, sempre.
Sei il sorriso fatuo che mi inonda il viso quando ti penso, quando ti leggo e ti vedo, quando mi guardo nello specchietto retrovisore per immortalarmi e raggiungerti. Infantile e vanitosa. Quando esercito il mio diritto alla seduzione, alla femminilità, al corteggiamento.
Sei il mio sguardo liquoroso e pieno. Sei le parole che penso, che sento e che scrivo quando penso a te.
Sei il mio ieri e il mio domani.
Il tempo sarà la mia prova d’amore: dimostrerà il mio amore per te.

6 Commenti. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto