Sette maggio, giornata della lentezza. L’amore per se stessi

Abbiamo dimenticato cosa significhi stiracchiarsi nel letto assonnati ed iniziare la giornata inebriati dal profumo del caffè. E da niente altro.
Il caffè si accompagna alle email ed alla gimcana del vivere quotidiano. Purtroppo.
Iniziamo la giornata spalancando le porte al mondo esterno e trascurando quello interno.
Non esiste più il tempo – sacro – della cena, il pranzo apparirete alla dimensione del lusso, ed il telefono con le sue magie ed alchimie, sembra avere un posto a tavola.
Siamo fagocitati dalla fretta e dalla vita online, dimensione che sovrasta ed inquina quella offline.
La bulimia del vivere ci ha travolti e stravolti, facendoci precipitare nella dimensione della dipendenza.
Siamo sempre di corsa, agitati e frenetici, in costante overdose da social e da smartphone.
Così, il sette maggio, si festeggia la giornata mondiale della lentezza.
“Lentezza”, è l’inno di questa giornata: un invito a vivere sempre più slow, all’insegna della pienezza.
Quindi, lasciamo al passato il famoso detto “chi si ferma è perduto”, che ha fatto convivere nelle nostre vene il senso di colpa e suo fratello, il senso del dovere, e via libera al pieno sapore dela vita.
Da oggi, ci provo, lo prometto: farò un tuffo nel profumo del mio cappuccino mattutino, avvolta dai suoi vapori e non risponderò contemporaneamente al telefono o scriverò su whatsapp.
Auguro ai miei lettori, tanti gesti lenti, profondi, dei veri rituali di bellezza per la nostra psiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto