Studentessa molestata dal suo professore. Amore morboso

Il fatto è accaduto al liceo Tasso di Roma, ed il professore insegnava storia e filosofia.
Immagino che qualunque genitore sia in pieno diritto di scrivere una lettera con questi, possibili, contenuti.
“Caro Professore,
noi le affidiamo i nostri figli, e figlie.
Ci fidiamo di Lei e di chi svolge il suo lavoro, secondo scienza e coscienza, come si dice per chi fa il mio di lavoro.
I ragazzi vanno accompagnati durante la crescita, educati, contenuti o rimproverati quando serve, ed anche sedotti.
La seduzione di cui parlo però, é una seduzione mentale, cognitiva, ed emotiva, che nulla ha a che vedere con l’erotismo ed il corteggiamento di pelle e di sensi.
Un professore deve sedurre, come il pifferaio magico, per far sì che con il suo modello intellettivo, che trasuda cultura e curiosità, possa lasciare tracce del suo passaggio nella vita dei suoi ragazzi.
I ragazzi, caro professore, non vanno corteggiati, né insidiati.
Non si scrive loro nessun sms – tantomeno 2.600 -, né simpatico, tantomeno audace, provocatorio o minaccioso.
Il suo ruolo è un ruolo di grande responsabilità.
Qualunque cosa le sia accaduto, qualunque fremito lei abbia provato, smarrito o ritrovato, di certo questa ragazzina, i suoi genitori, ed anche i suoi colleghi, non si scorderanno mai più di Lei.
Una mamma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto