Presunto paradosso in termini, ma intanto succede.
Amare obbliga alla reciprocità e alla cura. Talvolta, la vita impazzisce e ferisce, maltratta e strapazza, e il dopo non sarà più uguale al prima.
E le paure prendono il posto del sorriso e del futuro.
Durante il corso della vita può capitare di inciampare in un amore violento e intermittente, saltuario e ambivalente. Virale. Un’infezione d’amore.
Un dolore che il balsamo del tempo che passa cerca di cicatrizzare, ma nonostante ciò, lascia dopo di sé una ferita come dote: una letale eredità.
In questo caos che è la vita, e ancor di più quella amorosa, molte coppie stanno insieme senza amore e senza il coraggio di cambiare.
E altre, invece, si amano e non hanno il coraggio di rischiare.
Talvolta la coppia è avvolta da un malessere cupo e sordo, nutrito da dispetti e disprezzi, gridati o peggio ancora taciuti. Una sorta di sincronia triste e immobile.
Il dialogo si svuota di significato e il silenzio viene ingannato da finte parole.
Ma nonostante ciò, non cambiano, non si lasciano. Non abitano l’altrove.
Quando nasce un nuovo amore sulle macerie del precedente, il decollo è lento e faticoso, e l’entusiasmo dell’uno diventa la paura dell’altro, e viceversa. Un rincorrersi senza prendersi.
“Amare quando l’altro può”, quando apre la porta del cuore, senza effettuare un furto con scasso o una violazione di domicilio, senza insediare e insidiare la sua vita come se si abitasse al fronte, diventa la strategia vincente per amare ancora.
Senza fretta il passato fa meno paura, e le infezioni d’amore hanno il tempo di cicatrizzare davvero.
Per poter passeggiare ancora nei giardini della memoria senza sentire troppo dolore, senza sbronze erotiche e amori traghetto.
Perché anche la paura di amare può essere una meravigliosa geografia inesplorata. Da esplorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto