Chi uccide chi. L’amore criminale

Chi uccide chi?
Un figlio uccide i genitori ed i fratelli e poi si toglie la vita.
Oppure, un genitore stermina la sua famiglia e poi si toglie la vita.
In realtà, non cambia molto, il risultato rimane invariato: un progetto suicidario traslato dalla fantasia alla realtà, e tante vite in meno.
Quali siano state le cause scatenanti di così tanto sconforto e di una così tale
tragedia, non sono ancora chiare.
A Rende, in provincia di Cosenza, un uomo di cinquantasette anni, Salvatore Giordano, è il protagonista di questa catastrofe.
Ed in fine, muore perché si spara – o viene sparato – in bocca.
La famiglia, solitamente, è un luogo dell’anima.
È un utero caldo nel quale rintanarsi durante i giri di boa dell’esistenza, le mareggiate, le derive.
Le soste e le ripartenze.
È un porto sicuro, dove tutti litigano con tutti, ma tutti proteggono tutti.
In un modo o nell’altro.
Si crede che li, proprio in casa, non possa mai succedere nulla, o almeno, nulla di grave.
Le tensioni ed i litigi appartengono alle dinamiche familiari, così come gli sgambetti, le gelosie e quegli strappi che, in fondo, aiutano a crescere.
La morte invece, dove abita l’amore, non viene mai contemplata.
Forse, nella mente e nel cuore di chi ha partorito ed attuato questa carneficina, albergava un ultimo gesto d’amore malato: “né con me né senza di me”.
Pensiero ricorrente che muove le fila di molti amori criminali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto