Se c’è un odore che mi inebria e mi consola è l’odore del mare. Mi strappa dalla realtà e dalle preoccupazioni e mi trascina lontano, più esattamente Altrove: nel mio posto preferito. Sarà capitato a tutti noi, in situazioni di nostalgica malinconia o di eccesso di pandemia, di attardarci nei giardini della memoria per rievocare un odore o un sapore, per sentirci meno soli o al sicuro.
Ho amato tanti mari, anche lontani, ma quello siciliano con le sue calle e insenature li batte tutti, e mi rimane nel cuore ben incastonato come una pietra preziosa.
La mia memoria olfattiva, disobbediente come è solita essere la memoria, rievoca ricordi olfattivi quando vuole lei; così mi trovo qui e ho voglia di essere lì. Lavoro e ho voglia di mare, di vacanza, di piedi scalzi sulla sabbia dorata e di tacchi (amuleti del buonumore).
Dopo anni incerti che ci hanno catapultato in un destino pericolante abbiamo voglia di niente e di tutto, di musica leggera anzi leggerissima, di mare e di sole.
Abbiamo collezionato malinconie e speranze, bugiardini di vaccini e ansie, regole ormai tristemente interiorizzate. Abbiamo incontrato trafficanti di sogni e di truffe, e siamo alla nostra seconda estate incerta e tanto desiderata.
Così oggi, in pausa pranzo, mi sono concessa una trasgressione, almeno con la fantasia.
Ho lasciato che il mio desiderio di evasione prendesse forma, insieme a una voglia pazza di vacanza e di sentirmi spensierata e fuori dalla pandemia. Guardare online spiagge, voli e scarpe mi rasserena e mi consola, mi fa sentire altrove quindi dentro di me, senza nessun rumore del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto