Chat dell’orrore e violenza da branco

Violenza di gruppo

Stupri singoli e di gruppo. Chat dell’orrore che incitano all’aggressività, al pubblico ludibrio, al presunto bisogno della donna-preda di essere dominata, ammansita, punita, penetrata, sventrata. Perché, in fondo, a lei piace e se l’è cercata.
Seguono i video fatti in itinere e quelli postumi a testimonianza del saccheggio avvenuto, della bravura, della performance sessuale e della parte fallica così tanto fragile ed evanescente che necessita di un rituale a dir poco primitivo per dimostrare al legittimo proprietario che esiste.
E poi c’è il resto del mondo, chi sta a guardare, chi spia, i guardoni compiaciuti, chi acquista i video dello stupro e chi in fondo acconsente rinforzando le derive.

L’orrore in una notte e la movida

Era il sette luglio, eravamo nella mia terra, più precisamente a Palermo. La notte dell’orrore. Le immagini delle telecamere di sorveglianza non mentono e inchiodano un gruppo di apparentemente innocui ragazzi che sorreggono una giovane ragazzina barcollante. Sono quelle stesse drammatiche immagini che, insieme a delle chat di Whatsapp e qualche scatto-trofeo narcisistico recuperato dai loro telefonini, faranno arrestare i giovani stupratori. I ragazzi sono giovani, giovanissimi. Hanno un’età in cui avrebbero dovuto divertirsi a cuor leggero, corteggiare, amare, ridere, sedurre e divertirsi. Uno di loro ha appena diciotto anni, l’altro ventidue e uno è addirittura minorenne. La ragazza racconta di essersi separata dall’amica e di avere bevuto parecchi cocktail. L’incubo che la porterà a vivere la sua notte dell’orrore inizia in un locale. “Falla ubriacare, poi ci pensiamo noi”, esordisce uno dei ragazzi. La vittima era talmente stordita e molto, non si reggeva in piedi, ha tentato di chiamare aiuto ma non è riuscita nel suo interno. I ragazzi si aiutavano tra di loro, come si fa tra buoni mici, si alternavano nel sorreggerla e nel violentarla, senza pietà e senza sensi di colpa.

Leggi anche:
Il posto fisso in amore. Amore e fedeltà

La colpevolizzazione della vittima

A violenza segue violenza. La ragazza stuprata dal branco continua a subire la solita violenza verbale e mediatica. Viene colpevolizzata per il suo modus operandi, per i suoi vestiti succinti, per i suoi post sui social. “Certo, se fai dei video su TikTok con le canzoni provocatorie, è normale che ti succede tutto questo”. “Ma certo, se si veste in quel modo…”.

La denuncia che segue la violenza subita non è mai una scelta facile. La donna si sente sporca, sbagliata, umiliata e mortificata. Rilegge il suo comportamento e spesso tende a darsi la colpa. Pensa e ripensa a quello che avrebbe potuto fare ed evitare di fare. È una donna confusa, addolorata, squarciata dalla vergogna e dalla profanazione. Gridare al mondo quello che ha dovuto subire, se da una parte è la strada migliore per ricevere giustizia, dall’altra rappresenta la strada per l’ufficializzazione del danno subito, per non dimenticare. Ognuno, dopo, si sentirà autorizzato a dire la propria, professionisti e non. Nel caso di uno stupro conclamato e certificato come questo, e come tanti altri, i fatti non vanno appurati e nemmeno interpretati o giustificati, vanno rigorosamente condannati e la vittima protetta anche dall’opinione pubblica.
Bisognerebbe iniziare ad inculcare la cultura della denuncia. Bisognerebbe modificare il lessico e non dire più “per denunciare ci vuole coraggio”, ma dire che la denuncia è obbligatoria e la legge deve assolutamente intervenire con pene severissime e altrettanto rigorose. La denuncia non è opzionale ma consequenziale al danno subito. E la vittima va protetta anche e soprattutto dell’opinione pubblica.

La pozione magica per la risoluzione

Durante le settimane post-tragedia ho ascoltato tante interviste a politici, professionisti, avvocati, influencer, tuttologi. Ognuno di loro aveva la risposta in tasca, la ricetta perfetta con tanto di grammi, ingredienti e sequenze da svolgere per risolvere magicamente i drammi a cui stiamo assistendo.
Chi parlava di prevenzione, di promozione del benessere, di educazione emotiva ed affettiva. Chi sbandierava al vento il proprio credo screditando quello altrui.
La colpa è stata equamente distribuita tra il branco, le famiglie presumibilmente assenti, la scuola che latita nel suo ruolo educativo, il porno che tutto mostra ma che niente insegna, e la vittima che ancheggia sinuosa e ammiccante con tanto di vestiti succinti su TikTok.
Da madre e da clinico sono veramente molto preoccupata.
Ho il privilegio di ascoltare i disagi e le fragilità del cuore altrui e mi rendo sempre più conto di quanto amare in maniera sana spaventi. Il rapporto tra i sessi è diventato sempre più farraginoso e complicato. C’è un oscillazione continua dall’evitamento dell’aggressione. Le donne evocano paura oppure diventano prede e oggetti sessuali.
Io non ho pozioni magiche, la lista dei no, dei sì e dei buoni propositi, ma so che la responsabilità è di tutti noi.

Leggi anche:
Gennaio, settembre e lunedì. Date a rischio di decisioni estreme

La colpa è di tutti noi

Quando vedo un bambino in pizzeria con i genitori che invece di parlare con lui, di farlo disegnare o mangiare la pizza, lo piazzano dinanzi a un gioco online o video di YouTube grazie al cellulare o all’iPad-babysitter, so bene che quella solitudine e ansia diffusa lo porteranno a vivere in una prigione ripetitiva fatta di Internet e pulsioni confuse e inespresse.
So bene che quale bambino imparerà il mutismo difensivo, la non decodifica delle emozioni, la compensazione di quello che prova o che non sa di provare.
Quando vedo un ragazzino che a soli dieci o dodici anni ha libero accesso al mare magnum di Internet, video porno inclusi, so bene che diventerà fragile e insicuro, e che penserà che la sessualità sia fatta di violenza, di forza, di mancanza di rispetto nei confronti della donna e di un pene gigantesco.
Un genitore che non diventa tale soltanto perché ha messo al mondo il proprio figlio ha un compito educativo di fondamentale importanza: per il bene del figlio e della società, dal quale non può e non deve esimersi. Se un figlio è in grado di stuprare una ragazza insieme ad un branco di altri adolescenti e di filmare quello che ha fatto è un ragazzo che ha già palesato un disagio profondissimo, i cui segni prodromici sarebbero dovuti essere riconosciuti.
Quindi, la caccia alle streghe è assolutamente inutile e miope e non porta a una visione univoca e globale della deriva valoriale e comportamentale a cui stiamo assistendo.
La responsabilità è di tutti noi, e dobbiamo farcene carico.

 

Seguimi su Facebook (clicca qui) e su Instagram (clicca qui) e guarda le mie foto.

Per ricevere la mia newsletter settimanale potete iscrivervi cliccando sul pulsante sotto se vi fa piacere, vi aspetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Articoli correlati

Consulenza online

Da oggi è possibile chiedere una consulenza online in tutta privacy e con la professionalità di sempre
Scopri di più
close-link
error: Il contenuto è protetto