La dolcezza che hai non è per me. Per me non ci sono racconti, emozioni, segreti e condivisioni. Qualche sporadico abbraccio, ma di quelli di sfuggita dove non puoi sostare e nemmeno sentire o abitare.
Con me c’è quel rapporto di superficiale convivenza che io a fatica cerco di traportare in profondità diventando noiosa e patetica, alternato a rimproveri ed educazione, quella scomoda e fastidiosa che non pensavo mi appartenesse. Quel blaterale che non è comunicare, spesso scorporato dal bisogno, almeno da parte mia, di raccontarti di me – dei mie sbagli soprattutto – mentre parlo a te.
Per me non ci sono baci spontanei ma rari e per gentile concessione, e tantomeno effusioni.
C’è uno sguardo duro e giudicante che passa al setaccio ogni centimetro del mio corpo e ogni mio comportamento.
Quel dito sempre puntato che cerca la pagliuzza senza vedere la trave. Quel sottolineare sempre quello che non faccio o dimentico e mai quello che faccio o sono.
Per me ci sono critiche, attacchi, un atteggiamento esigente e intransigente del tutto svuotato di quell’amore profondo e profuso di cui invece dovrebbe nutrirsi un legame profondo e in cammino.
Se mi guardo in te, che mi somigli più di quanto tu possa immaginare, vedo astio alternato a presenza, inadeguatezza alternata ad attacchi gratuiti, ambivalenza e quella insopportabile intermittenza del cuore.
È come guardarsi in uno specchio deformante, come quando dopo una dieta lunga ed equilibrata durata tutta la vita ti vedi ancora goffa e inadeguata.
Questo amore mi confonde, rimescola le mie certezze, squaderna i miei pensieri e derubrica dalle mie emozioni quelle belle e luninose per far riemergere dal fondo quelle buie, del passato faticosamente rimosso.
Forse con il tempo tutto avrà un senso, ma per adesso mi sento sulle montagne russe del cuore. È come abitare su una barca che ondeggia, senza poter ormeggiare mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto