La mia passeggiata a cavallo, tra Etna, betulle e more

Non sono certa di riuscire a tradurre in parole le mie emozioni di oggi e quelle a lento rilascio del dopo, che esperienze del genere regalano.
Ci provo, perché le gioie condivise sono gioie amplificate, e la natura ha il potere di cicatrizzare ogni ferita, esattamente come la scrittura.
Durante queste vacanze avevo voglia di natura e di stare in compagnia degli animali, più del solito, più di sempre. Così, ieri, mi sono messa a cercare online percorsi, scuderie, strutture che mi consentissero di trascorrere una giornata a cavallo, tra natura e Sicilia.
Non riuscivo a trovare niente perché non trovavo la parola chiave – così come accade ai miei pazienti quando non sanno come si chiama la loro problematica -, poi ecco che googolando ho avuto una folgorazione.
Si chiama turismo equestre, ed ecco che mi si è aperto un mondo fatto di siti, pagine social e strutture. Sono stata inondata da un’emozione incredibile e incontenibile, avevo trovato quello che cercavo.

Grazie Google, senza di te non avrei trovato proprio nulla

Mi hanno risposto in tanti, tutti estremamente gentili e molto competenti. Così ho scelto la mia prima passeggiata: durata sei ore, percorso tra i boschi dell’Etna e visita a due crateri spenti. Ho iniziato a preparare il cuore e lo zaino, ed eccomi a oggi!
Vi racconto la mia giornata a cavallo.

Ore 9.00: tutti in sella

Ombra, Lulù e Vittoria, tre bellissimi cavalli fieri e liberi, nonostante le selle e le redini. Vivono in scuderia ma amano i boschi, l’Etna e mangiare le felci.
Non sono costretti ad orari e lezioni estenuanti, ma conducono una vita molto rispettosa delle loro reali esigenze. Mi sono subito sembrati cavalli felici e questa felicità ci ha contagiati tutti.
A me è toccata Vittoria, una cavalla giovane dal mantello rossastro e lucidissimo, e una criniera bionda un po’ spettinata e incolta, che devo dire le stava molto bene.
In religioso silenzio ci siamo messi in fila indiana, capitanati dal proprietario della scuderia, Alessandro, e dalla sua spavalda cavalla, in direzione Etna.
I sentieri erano impervi e scoscesi, altri ripidi o particolarmente in salita. Altri ancora pieni di rovi e di more, così non sapevo se proteggermi dalle spine o sostare per mangiarne qualcuna. Il panorama era costantemente mozzafiato e il mio cuore era chiaramente sintonizzato con il calpestio degli zoccoli del mio cavallo.
In quel momento non c’era il passato e nemmeno il futuro, ero avvolta da un inebriante presente.

I boschi e il mare

Ogni sentiero di montagna era addobbato da fichi d’India e more, da felci le cui foglie si muovevano gentili: si aprivano quando venivano attraversate dai cavalli e si richiudevano dietro di noi, come per magia, regalandoci un profumo di bosco e libertà mai provato prima.
Il mio sguardo era rapito da una meraviglia continua, da una bellezza così intensa che solo la natura possiede in sé.
Abbiamo proseguito tra i boschi di betulle che si disperdevano a perdita d’occhio e, se mi sporgevo un po’ dalla sella, venivo rapita dallo sfondo del mio more color turchese, che nonostante l’altitudine sembrava poter essere toccato.
Il calpestio degli zoccoli e il silenzio sono stati la colonna sonora di questa mia passeggiata tra i boschi.
Qualche nitrito qua e là che mi ricordava l’intensità della vita e il rumore del vento tra le frasche. L’odore era un misto di terra bagnata e legno, muschio e bacche, frutta e foglie, il tutto con un meraviglioso odore di stalla e cavallo, un patrimonio sensoriale di chiaro gradimento olfattivo per tutti noi.
Non c’era ieri e nemmeno domani: eravamo il cavallo e io. Sono rimasta con il cellulare spento, senza le sue perenni connessioni e notifiche, per ben sei ore, quasi una tratta intercontinentale, e devo dire che non ne ho nemmeno sentito la mancanza.
Dopo questa giornata cosi bella e intensa, penso che il mondo sia talmente armonioso e generoso
che dovremmo fare di più (o forse di meno) per evitare di distruggerlo.

La scuderia si chiama Ardichetto, si trova a Zafferana e si respira amore e cura, le mie fragranze preferite.

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.
Chi ha una questione di cuore da raccontarmi e gradirebbe una risposta può scrivere qui.

1 Commento. Nuovo commento

  • Che meraviglia! Sembra di viverle le Sue emozioni, così fisiche e immediate… e i cavalli poi.
    Giusto ieri ho seguito la mia ultima lezione di pet-counseling e già mi manca il misto di fascinazione e timore (ho 66 anni e non mi ero mai accostata ai cavalli) provati con la nostra insegnante, il piccolo gruppo famigliare e i cavalli con i quali abbiamo lavorato: Camillo e Woolly, Raja e gli altri… mi fa male il respiro pensando che per ora è finita.
    Fortunata lei che sa montare, noi facciamo un lavoro di consapevolezza a piedi.
    Credo che mi regalerò qualche ora di natura con lezioni individuali x superare l’inverno incombente.
    Grazie per avermi stimolato nella decisione parlando della sua uscita.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto