Scelgo alcolisti e uomini problematici e schivo gli uomini sani

Cara Dottoressa,
ho 38 anni e soffro di tante patologie, tra cui la dipendenza affettiva.
Ho patologie che potrebbero portarmi a cecità, alla tendenza a fidanzarmi con ragazzi molto problematici, in primis che soffrono di problemi di alcol (problema di cui soffre mio padre).
Ad oggi mi sento irrealizzata e ho tanti sensi di colpa per non aver accettato a suo tempo uomini sani e che mi avrebbero voluto veramente bene. Non ho realizzato una famiglia e non ho figli, spesso e volentieri invidio le coppie felici e rimpiango il passato.
Come posso uscirne? Anche se oramai è tardi per tante cose.
Il tempo scorre e indietro non si torna!

Gentile Lettrice,
rimanere lettrice e non trasformarsi in paziente non aiuta. La latitanza della cura – perché anche un cuore zoppo si può curare! – tende a far cronicizzare le problematiche e a rendere la sua vita buia e sofferente.
Non è facile, quando non si sta bene, scegliere partner sani. Quando si ha fame d’amore si tende a prendere quello che passa, senza scegliere, senza guardarsi dentro, senza avere il coraggio di dire no per paura del vuoto.
Le scelte d’amore, affinché siano scelte sane e luminose, devono seguire un percorso di chiarificazione interiore e di guarigione profonda.
Fatto ciò smetterà di essere attratti come una calamita da chi le fa e farà solo del male.

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.
Chi ha una questione di cuore da raccontarmi e gradirebbe una risposta può scrivere qui
.

Seguimi su Facebook (clicca qui) e su Instagram (clicca qui) e guarda le mie foto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto