Sesso bollente o prudente?

L’estate che verrà sarà piena di incognite e di speranze. Di tutto e di niente. Dell’essenziale e del superfluo. Di aria nelle narici, speriamo, di tanto buon cibo, di intimità e di socialità.
C’è chi fantastica sul recupero dei flirt arretrati, di una massiccia dose di sessualità “senza cerniera”: bollente e poco prudente. Chi desidera riparare un anno di celibato inconsolabile, e chi è a caccia di amori anche di passaggio.
Durante questo mese di giugno, primo assaggio d’estate, si respira un’aria effervescente, bramosa di tutto.
In piena pandemia le fantasie e le speranze erano altre: c’era chi fantasticava su un’impennata delle nascite post-Covid. Una sorta di baby-boom tipico delle coabitazioni forzate prive di distrazioni e obiezioni (non di coscienza ma di letto).
I bambini in realtà non sono nati, e le coppie sono state abbastanza provate da un eccesso di vicinanza, di incertezze e stress prolungato. Il calo del desiderio ha spodestato l’erotismo e la passione, e le crisi personali e di coppia si sono fatte strada nel mare magnum delle relazioni.
Adesso serpeggia una sorta di totoscommessa estate che verrà. Sarà audace o prudente?
I single vaccinati immaginano un’estate hot, di sesso bollente, per recuperare in arretrati orgasmici.
Le coppie sperano in un recupero di tempo di qualità, anche e soprattutto individuale, per tornare a mettere a fuoco e a distanza il partner e provare a desiderarlo ancora.
Nell’estate che verrà la virtualizzazione del sesso, per i coraggiosi, verrà appesa al chiodo e lascerà il posto ai sensi, al corpo e all’altro. I rapporti sessuali dilatati e dilaniati dal quotidiano e dalla reclusione diventeranno, ci auguriamo, spensierati e ludici, da vivere in riva al mare o sotto un cielo stellato in montagna.
La pandemia ha lasciato tracce di sé dappertutto: nei nostri corpi e cuori, e ci ha intriso di paure e nuovi automatismi.
L’estate che verrà lascerà il posto al sesso prudente più che bollente, all’insegna dell’intimità e della sensualità, anche se il destinatario delle attenzioni erotiche si presenta all’appuntamento amoroso accessoriato di fiori, pass vaccinale o tampone negativo.

Ne parlerò a lungo su La Stampa. Seguite la mia rubrica sull’amore: “Amore non è solo amare”, la trovate sul sito nella sessione Cultura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto