La figura del padre, in psico-sessuologia

//La figura del padre, in psico-sessuologia
  • Padre e figlio

La figura del padre è sempre stata molto trascurata.
Padri assenti – spesso dediti al lavoro o impacciati nel camminare in territori affettivi – venivano sostituiti, nei casi più fortunati, da madri presenti, talvolta ingombranti e, spesso, sostitutive di un ruolo maschile.
Nei casi meno fortunati, da nessuno.

La madre, ha da sempre occupato tutta la scena familiare: dalla gestazione al parto, dai primi passi ai compiti, fino ad arrivare alle prime confessioni amorose, proprio perché donna.
Negli anni trenta, la figura del padre, detto per l’appunto “padre-padrone“, si occupava di tutto quello che riguardava la vita fuori casa: del lavoro, del guadagno, delle incombenze extra-affettive, e stabiliva le linee guida relative al comportamento ed all’educazione morale dei figli.
Alla madre spettava tutto il resto, ma, in realtà, era una sorta di Cenerentola educativa.

Negli anni a seguire, dal “padre autoritario” siamo passati al “padre assente“.
Momento storico caratterizzato da famiglie a doppia carriera, la figura del padre ė divenuta quasi del tutto invisibile.
Padri che lavorano fuori casa con orari improponibili e scarsamente attenti alle necessità affettive psichiche dei figli.
Questi padri, pressoché invisibili, venivano affiancati però da figure femminili forti, ingombranti sul piano psichico, autoritarie ed onnipresenti che, nel tempo, hanno tolto spazio, tempo ed intimità al rapporto padre-figlio.
Questo stile di genitorialità ha capovolto i ruoli familiari, facendo passare un messaggio di scarsa coerenza e di scarsa collaborazione tra i sessi.
Siamo passati così, dall’assenza del vecchio capo famiglia, normativo, con le spalle larghe, presente ed onnipotente, da cui derivano le regole morali, alla latitanza educativa del padre.

Il padre è una figura di fondamentale importanza per la crescita psicologica e psico-sessuologica del bambino.

  • Che ruolo ha il padre?
  • Di cosa dovrebbe occuparsi da quando il suo bambino viene al mondo?
  • È indispensabile che sappia cambiare un pannolino?
  • Che sappia fare una pastina?
  • Che vada al parco con lui?
  • O che gli insegni ad andare in bicicletta senza rotelle?
  • Che lo prenda a scuola?
  • Che lo aiuti a crescere?
  • Che lo guardi cadere, e che gli insegni a rialzarsi?

Il padre è un punto di riferimento concreto, su cui costruire l’identità del bambino.

  • È colui che, simbolicamente, spezza il cordone ombelicale tra madre e bambino, prima che il legame diventi asfittico.
  • Ė colui che, “contiene simbolicamente” ed  “autorevolmente” il bambino, guidandolo fuori dal confine dell’abbraccio materno.
  • È colui che, alternandosi alla madre durante le fasi di regressione all’utero materno, lo aiuterà ad avere coraggio, a crescere, ad agire una spinta sana e fallica verso l’esterno, al fine di conquistare la sua autonomia, e la sua identità.

Identità del bambino e ruolo paterno

Lo strutturarsi dell’identità sessuale del bambino passa attraverso varie fasi, fasi durante le quali una buona armonia e chiarezza tra i sessi diviene determinante per  facilitare lo strutturarsi dell’identità sessuale.
La determinazione biologica, la consapevolezza del genere, l’acquisizione progressiva dei comportamenti sessuali – imitazione dei comportamenti genitoriali –  e per ultima, la fase della preferenza e della scelta sessuale.
In famiglie normo costituite e senza grandi ed evidenti disagi relazionali, la figura paterna e materna, si alternano con vicendevole amore e capacità accuditive, senza manipolazioni o rappresaglie, aventi spesso come palio o trofeo, l’amore dei figli (ma non per i figli).

La figura del padre, interagisce con la madre, durante queste delicate fasi di costruzione dell’identità sessuale, senza manovre subdole o conflittualità da prima donna.
Una buona madre, fa si che il padre entri in scena, senza rappresaglie o attacchi acuti di gelosia per il primato affettivo nei confronti del figlio.
La crescita psicologica del bambino, non dovrebbe essere una corsa ad ostacoli, durante la quale contendersi il premi per il più bravo, o il più presente, genitore, ma un’ “amorevole cooperazione” con un obiettivo comune : la crescita ed il benessere psicologico del bambino.

Conclusioni

Stalker, femminicidio, abusi e soprusi che occupano quotidianamente le pagine dei giornali, fanno ipotizzare la mancanza del padre.
I ruoli genitoriali diventano, oggi ancor di più, di fondamentale importanza per adolescenti di oggi sani, nonché adulti di domani.
Adolescenti ribelli e disorientati, cresciuti con uno smartphone facente funzioni da baby setter, pane e pornografia, seguendo modelli scarsamente adeguati, rappresentano lo spaccato importante di un disagio sempre evidente.
Oggi, siamo giunti ad un momento storico, caratterizzato dall’esigenza di restituire alla figura paterna spazio e tempo, associata ad una rinnovata e ritrovata identità maschile.

By | 2017-01-02T12:23:29+00:00 13 novembre, 2016|Categories: Psicologia|Tags: , |

Scrivi un commento

error: Content is protected !!