Necrologio di un amore: dalle frasi d’amore alle offese letali

Necrologio di un amore

Ci si augura di non dover mai scrivere il necrologio del proprio amore.E invece? Succede.E succede anche a chi si è amato tanto e tanto a lungo. Spesso, quando finisce un amore, il dopo toglie valore al prima.
Frasi lapidarie e funeste sanciscono la fine di un legame, la fine di quell’Amore.
Frasi aggressive, punitive, e anche offensive, spesso, indimenticabili. Frasi che rimangono incise a fuoco su una psiche già provata dalla minaccia di abbandono. Offese pesanti, dolori e indelebili insulti fanno capolino tra le pieghe di un amore. Che trattasi di una fine voluta o subita, temporeggiata o immediata, il dolore diventa sempre un fedele compagno di viaggio.

  • Perché un amore deve concludersi passando dall’acredine?
  • Dall’aggressività?
  • Dalla cattiveria?
  • Dagli insulti pesanti, dalle profanazioni?
  • Dai maltrattanti verbali? Simbolici e crudeli?
  • Dal bisogno, quasi cocente, di cancellare il passato in funzione del presente, o del possibile futuro?
  • Bisogna davvero distruggere per poter ricostruire?
  • Radere al suolo la stima, il sentimento, il pregresso amore?
  • Cosa rimane dalle macerie di quell’Amore?

Perché se incontrarsi resta una magia, è non perdersi la vera favola
Massimo Gramellini

Il necrologio di un amore obbliga a dover azzerare ogni gentilezza, ogni forma di possibile cura, arma i partner e li rende acerrimi nemici. Non importa chi insulta o offende per primo, quando scatta la mancanza di rispetto, ogni emozione diventa una reazione, e ogni possibile azione diventa bersaglio di cocenti malumori.
I coniugi – anzi ex-coniugi – veleggiano verso percorsi emotivi inesplorati, percorsi di rabbia e di dolore che, a loro volta, diventano generatori di rabbia e di ulteriore dolore postumo. Una spirale di odio e di dolore.
Voci di popolo tramandano il concetto secondo il quale in amore c’è chi ama di più e chi ama di meno; secondo tale teorema chi ama di più soffrirebbe di più, chi ama di meno di meno.Personalmente non credo esistano equazioni univoche, ma percorsi unici e soggettivi, frutto della storia emozionale e di vita di ogni protagonista di quell’Amore; il tutto intersecato alle dinamiche, uniche anch’esse, di quella coppia.

Il tempo: un balsamo per le ferite, pausa di riflessione o contenitore malinconico?

Le nonne dicevano sempre che il tempo con i suoi balsami avrebbe curato tutte le ferite.
E ancora, il tempo è galantuomo, ristabilisce sempre la verità, ripara i torti e medica ogni cosa. Dunque bisogna saper attendere.

Un amore che naufraga, però, fa un uso del tempo davvero soggettivo.

Chi aspetta che passi, per ricordare di meno e per soffrire ancora di meno.
Chi, inconsciamente o coraggiosamente, lo adopera come una pausa di riflessione.
E chi, invece, adopera il tempo per ripassare, per accarezzare con la memoria i ricordi (belli, ovviamente, quelli dolorosi verranno stemperati e offuscati dalla polvere erosiva del tempo che passa).
Il passato spesso, a seconda dei momenti della vita, bussa prepotentemente alla porta del cuore e dell’anima. Ecco che riappare il ricordo.

Taglio netto o accompagnamento graduale alla morte?

Dipende.Dipende dalla struttura psichica dei protagonisti di quel naufragio.Dipende dall’intensità del sentimento, e dalla virulenza con cui si chiude.Dipende dalla reale motivazione per la quale si accompagna quell’Amore alla morte.Dipende dal danno subito, dalla capacità di elaborazione di ogni partner, e dalla propria capacità riparativa.
Dipende dalla pregressa salute di quell’Amore.
Per chi ama  tanto e tanto male, il buon senso è il peggior nemico del sentimento, il controaltare del vero amore, così essere gentili ed equilibrati fa a pugni con la pregressa intensità. Insomma, dipende.

Conclusioni

La fine di un amore – qualunque sia la reale motivazione per cui quell’Amore sia giunto al capolinea -, porta con sé quote di grande dolore e di perdita, e un vissuto di lutto e di malinconia.
Avere rispetto per quello che è stato vissuto, per quello in cui si era creduto fortemente, equivale ad avere rispetto per sé stessi.
Rinnegare quanto provato, aggredire e dilaniare il sentimento – anche se pregresso – mediante pesanti offese e cattiverie, credo sia una strategia, malsana, per non elaborare la fine di quell’amore.
Svalutare quello che un tempo era prezioso è una modalità per non tornare più sui propri passi, che nulla ha a che fare con quell’indispensabile processo di profonda elaborazione del lutto.

Per ricevere la mia newsletter settimanale potete iscrivervi cliccando sul pulsante sotto se vi fa piacere, vi aspetto.

La newsletter di Valeria Randone

Iscriviti alla mia newsletter

* campo richiesto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto