Sono pronta per tornare in ufficio?

Cara dottoressa,
sono una mamma single e la pandemia mi ha portato tanto benessere. La prego non mi giudichi, anche se so che giudicare non appartiene alle sue corde, ma da quando è scoppiata la pandemia io ho lavorato da casa e sono riuscita a stare con i miei figli. Quei bambini tanto amati che ho dovuto disseminare agli unici nonni residui, i miei genitori, e le amiche più care perché non posso permettermi di pagare una tata. Adesso mi chiedo e le chiedo, secondo lei sono pronta a tornare in ufficio? Perché se fosse per me io continuerei a lavorare chiusa in casa.

Cara Signora,
mi sento subito di rassicurarla e dirle che lei non è l’unica che ha tratto benefici dalla pandemia e dalla successiva quarantena. Molte famiglie si sono ritrovate, molte persone si sono rasserenate e hanno avuto la possibilità di rallentare, tante altre hanno coniugato l’attività lavorativa con l’ambiente amorevolmente domestico e familiare.
Non è l’unica. I suoi bambini hanno beneficiato della sua presenza fisica e della casa, ma adesso, immagino, anche loro hanno voglia e bisogno di tornare a una vita comunitaria.
I bambini e noi adulti abbiamo bisogno di stare in mezzo alla gente, di alternare momenti di solitudine a vita sociale, introspezione al dialogo con altri esseri umani.
Sono certa che superata la prima fase di paura, anche lei troverà un beneficio dal tornare a vivere fuori casa. Chieda, nel caso in cui fosse possibile, di alternare lo smart working al lavoro in ufficio.
Un abbraccio caro

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.

Altre storie che potrebbero piacerti

Pace dei sensi, che si fa?

Buonasera dottoressa, mi riallaccio al tema da Lei trattato “se può esistere l’Amore senza sesso” e Le chiedo se a uno dei due della coppia viene a mancare l’aspetto sessuale…
Leggi la storia
error: Il contenuto è protetto