Un amore malato che tormenta l’anima

Gentile dottoressa, 

non può immaginare quale e quanto conforto mi da il poter leggere i suoi articoli, i suoi approfondimenti. 
La cura e l’attenzione per sentimenti e soprattutto per i problemi delle donne. Io sono una delle tante anime tormentate da un amore incompreso, massacrata da demoni distruttivi e autolesionisisti che non mi permettono di prendere una decisione netta, pur mantenendo ben salda la lucidità della ragione di lasciar andar via la persona negativa.
Non riesco a liberarmi da questo amore malato. Da un uomo che poi non è il mio e per il quale soffro da morire. Come disse il Prometeo di Eschilo, “sapevo di sbagliare a far del bene, ma una pena così grande non avrei mai immaginato di restar qui solo, è divorato nelle viscere”. 
Grazie per lo spazio dedicato 
E per la Sua cura. 
Matilde

Cara Anima tormentata e in affitto,
mi piacerebbe davvero occuparmi del suo cuore sofferente, dei suoi strazi e non decisioni. Le letture, se pur generose e affettuose (grazie per le belle parole rivolte a me) aiutano sino a un certo punto. Da quel punto in poi bisogna andare in terapia. Bisogna dedicarsi quello spazio-tempo indispensabile per un lavoro ben fatto su sé stessi.
Le persone negative, gli amori malati che fanno ammalare, i legami non esclusivi nascono, crescono e si mantengono immutati e indelebili, trasformandosi in manette, soltanto perché ci sono delle voragini da colmare. A volte essere felici fa più paura di essere abbandonati.
Un caro saluto

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.
Chi ha una questione di cuore da raccontarmi e gradirebbe una risposta può scrivere qui.

Seguimi su Facebook (clicca qui) e su Instagram (clicca qui) e guarda le mie foto.

Altre storie che potrebbero piacerti

error: Il contenuto è protetto