Perdersi è più facile che trovarsi o ritrovarsi.
Accade così, pian piano, in modo drammaticamente silente ma rumoroso. E quando accade, dopo, non è più possibile tornare indietro. Passare dal caldo al freddo, dall’abbraccio fatto di pelle e di fiato all’aridità di quella distanza abissale e incolmabile dalla temperatura siberiana è impossibile.
Ci si perde in tanti modi, a volte si tratta di abbandoni in maschera travestiti da giusta distanza, dal mio spazio, da dopo, non ho voglia, ho mal di testa, sono stanca; altre volte si imbocca quel cammino in discesa (o caduta libera) in modo lento ma inesorabile.
I perché sono tanti, ma i come sono sempre gli stessi.
Le parole giocano un ruolo centrale. In amore si fanno armi e carezze.
Tra una parola non detta, una al vetriolo e una parola di troppo, gli amanti si feriscono e si allontanano.
Seguono le emozioni: il vero concime e frutto di quel legame. Ci sono quelle latitanti o non dimostrate, quelle taciute perché il partner muto non trova le parole per dirlo, perché pensa che siano inutili, scontate. Ovvie. Consequenziali all’essere coppia. Le emozioni congelate diventano negate; e la coppia sprofonda in quel buco nero che è l’inedia, l’incuria.
E per finire ci sono i gesti. Quelli mancanti e quelli eccessivi. Quelli mossi dalla rabbia che come la sabbia tutto inghiottono.
Quelli che prendono il posto della gentilezza e degli abbracci, dei baci e degli amplessi. I gesti frettolosi, liquidatori, intrisi di scontatezza, aggrovigliati in ragnatele chiamate noia, abitudine, invisibilità.
Anche chi si ama da sempre sperando che sia per sempre, anche chi non riesce a pronunciare il proprio nome di battesimo senza quello dell’altro come se fosse un nome unico, anche chi si è promesso fedeltà e continuità si può perdere.
Un pezzetto alla volta. Un silenzio alla volta. Una parola alla volta. Un gesto alla volta.
E poi si arriva a quel punto letale, quello di non ritorno, dove gli ingranaggi del cuore non manutenzionati si inceppano.
In quel luogo, anche gli amori più temerari, affondano nell’assenza e nella mancanza. E si smarriscono, per sempre.

2 Commenti. Nuovo commento

  • Ho trovato il post con una tempistica incredibile, avevo finito una chiacchierata con mia moglie riguardo a i suoi cambiamenti e al fatto che non sia più l’stessa da un po tutto perché ho scoperto alcune cose s suo telefono è anche uscite di casa con escuse non spiegabili, volevo sapere volevo capire però lei nega tutto e mi da del pazzo e poi butta il problema verso di me e dice di non capire queste insicurezze e continua a negare, come diceva il post a volte ci si perde inconsapevolmente.

    Rispondi
    • Valeria Randone
      18 Agosto 2021 07:03

      Buongiorno,
      gli articoli così come i libri, non ci raggiungono per caso.
      Si insinuano sotto pelle tramite porte invisibili chiamate solitudine o preoccupazione.
      Proponga a sua moglie una terapia di coppia, potrebbe esservi d’aiuto.

      Un cordiale saluto

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto