Il titolo fa presagire un articolo audace, una sorta di kamasutra dell’amore. E invece no.
Le posizioni dell’amore di cui vi parlo oggi non raccontano di corpi in movimento o fermi. Di corpi incastrati in maniera più o meno esibizionistica o circense. Non mi riferisco nemmeno al corpo fotografato per farlo recapitare via cellulare all’amato o all’oggetto del desiderio (in questo caso non è ben chiaro se l’oggetto del desiderio sia il destinatario della foto o il soggetto che si fotografa, ma questo è un altro discorso).
Mi riferisco alle posizioni invisibili che non sempre vengono riconosciute, ascoltate, rispettate, viste.
Quello stare o non stare al fianco della persona amata, in silenzio, con poche o tante parole, nel vuoto o nel pieno della sua vita, nel rispetto della giusta distanza, delle sue paure o necessità. A distanza. In presenza. In presenza nell’assenza o nella distanza.
Queste sono le posizioni dell’amore che a me piacciono di più.
Sono quelle di cui parliamo in terapia con le coppie che ho il piacere di seguire. Quelle posizioni che sono spesso invisibili e che diventano visibili e dolorosamente urlanti quando non vengono rispettate. Quando la coppia si ammala, significa che qualcosa in questo studio balistico delle posizioni dell’amore non è andato a buon fine.
Avere cura del cuore, oltre che del corpo e delle sue performances amorose, è la strada per non smarrire né cuore né corpo né coppia.

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.
Chi ha una questione di cuore da raccontarmi e gradirebbe una risposta può scrivere qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto