Meno parole, meno pensieri, meno emozioni

X. Grz. X ki nn kpisce. Xche. Nn, cn. Seguono emoticon: faccine che ridono, che piangono, che pensano. Cuori abusati e abusivi, lampi e fulmini di passione, ma in realtà regna sovrano un silenzio assordante.
Questo nuovo linguaggio da tastiera, una sorta di neoepistolarità tecnologica, sgattaiola dalla chat e dilaga a macchia d’olio.
Epidemia linguistica che pian piano, come la goccia sulla roccia, corrode pensieri, pensiero critico e laterale, emozioni e parole.
Più il linguaggio è povero e più il pensiero si sbiadisce, sino a scomparire del tutto. Praticamente implode su sé stesso.
Un linguaggio striminzito con un numero ridotto di parole, infarcito di acronimi e di emoticon, appiattisce la capacità di raccontare il vissuto e quindi di percepirlo, stempera le emozioni e di conseguenza la capacità di riconoscerle e viverle e le consegna alla sciatteria del sentire.
Se non esistono le parole, non esistono nemmeno i pensieri e il pensiero critico.
Le parole sono armi e hanno un potere enorme, deporle a favore di un linguaggio povero e piatto porta a una triste quanto pericolosa omologazione di massa. Quando le parole si riducono, scompaiono anche gli equivalenti concetti astratti e il risultato è un triste e deprimente impoverimento emotivo e concettuale.
Stiamo diventando una Short Message Society che (non) si esprime in maniera contratta e stringata, a ritmo di tastiera.
Scrivere in italiano, quindi impegnarsi nell’attività propedeutica del pensare e del pensiero, non è un delitto anacronistico e fuori moda ma una necessità di tutti gli esseri umani.
Abdicare a favore delle emoticon e della fretta, utilizzare un lessico omologato e omologante al posto delle mille sfumature delle emozioni in corsivo è un chiaro suicidio assistito.

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.

2 Commenti. Nuovo commento

  • Magda Muscara’ Fregonese
    1 Dicembre 2021 18:22

    Sono del tutto d’accordo, questo linguaggio povero e sciatto che tutto banalizza e semplifica, non aiuta ad esprimere i sentimenti ma li mortifica, li deprime, rende tutto confuso e inspiegabile.
    Dove finisce la complicità delle anime, prerequisito della complicità’ dei corpi?

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto