Esistono immagini che hanno il potere di farmi regredire al passato, di mischiare le carte tra ieri e futuro.
Roma che si sveglia è una di queste.
La capitale più capitale che ci sia, appena sveglia, ha tutte le gradazioni del rosso, il mio colore preferito.
Il rosso si intravede tra i tetti delle case, abbraccia i monumenti e si adagia dolcemente sulle sue maestose piazze; per poi tornare a farvi visita al tramonto.
Tra lei e me c’è sempre stato un legame importante, regressivo, nostalgico.
Le sue immagini e i suoi colori si impossessano degli angoli più remoti della mia memoria, anche in sua assenza, e io la lascio fare custodendola a lungo dentro di me.
Roma che si sveglia è sonnecchiante e affascinante, si stiracchia senza fretta per mostrarsi da lì a breve in tutto il suo splendore.
È intensa e bella. Austera e gioviale. Dei romani e dei suoi ospiti.
La osservo dall’alto, incantata e rapita, mentre atterro con il primo volo della mattina.
Tra luci e ombre, la città eterna sembra non fermarsi mai.
È la città delle illusioni, delle promesse non mantenute – come fanno gli amanti -, si mostra ma non si concede. Ti seduce ma non ti stanca. È lì, maestosa e apparentemente disponibile, ma in realtà si concede a pochi.
È una città selettiva che concede a pochi i suoi vantaggi – i più talentuosi, non solo ambiziosi -,e la possibilità di avere un posto nel suo cuore. Rinnovabile per meriti.
L’ho sempre vista come una città esigente nel pretendere e generosa nel restituire. Indossa il desiderio come se fosse un abito, lo sfoggia e lo contagia a chi va a farle visita.
Nel mio immaginario Roma rimane una città consacrata all’eternità: del sentire e del vivere.

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.

2 Commenti. Nuovo commento

  • Ho letto che ha spostato il suo studio da Roma a Milano; che peccato,mi sarebbe piaciuto conoscerla di persona

    Rispondi
    • Valeria Randone
      3 Gennaio 2021 08:25

      Buongiorno,
      per esigenze familiari e lavorative ho aperto uno studio a Milano. Se ha necessità di incontrarmi, può farlo via skype.
      O se trattasi di una sola consulenza, verrò a Roma durante i prossimi mesi, ma ancora non so dirle quando.
      Pandemia premettendo.
      Un caro saluto

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto