Troppo stanchi per il letto

Le coppie odierne sono troppo stanche per il letto. Coniugale, s’intende. Preferiscono le chat, i letti altrui e saltuari, gli alibi sessuali e le cefalee evitanti.
L’estasi iniziale che consegna alle labbra dell’amato, che lascia una memoria corporea potente e prepotente, che smuove le montagne e crea e mantiene in vita un legame d’amore, non si sa perché e non si sa bene quando, lascia il posto alla noia coniugale.
I partner bramosi diventano ostaggio della noia, gli amanti sono in costante e pericoloso agguato, la colpa viene attribuita alla fretta del vivere, e l’impasse erotico occupa ogni stanza della vita della coppia.
Il calo del desiderio e la crisi di coppia sono gli scenari che caratterizzano gli italiani a letto.
Le scuse tanto varie e variegate, quanto fantasiose: la stabilità coniugale si paga in svalutazione erotica, il matrimonio è la tomba del sesso, non c’è tempo per la sessualità, il sonno e il telecomando prendono il sopravvento, e così via. Vita domestica e sessualità sembrano non poter coabitare in armonia, nella stessa coppia e nella stessa casa, per un tempo che non ricordi una parabola discendente.
Il desiderio però non muore di morte naturale (tranne nei casi di patologie o disfunzioni sessuali pregresse), ma per mancanza di cure, di inventiva, di intimità.
La passione ha bisogno di contrasti, la seduzione di sottili manipolazioni, di qualche goccia di gelosia e di una buona manciata di rischio.
Il quotidiano va innaffiato di cure e di sorprese, non va lasciato in balìa della noia e del politicamente corretto.
I semi dell’intimità sono il tempo e la ripetizione, il gioco e la trasgressione. L’ordinario e l’incredibile. La stabilità e il rischio. La pelle e i sensi, il cuore e le parole.
Per i sapiosexual, i congiuntivi.
Il desiderio sessuale vive di rituali e di erotismo, di attese, di imprevisto, di pugni allo stomaco e di ignoto.
L’amore e l’eros non si escludono a vicenda e non sono l’uno il contraltare dell’altro; ogni tanto può capitare che non si trovino nello stesso luogo, nello stesso momento, nei casi più severi, nella stessa persona.
Nelle relazioni stabili e longeve c’è una tendenza a privilegiare il prevedibile all’imprevedibile, l’abitudine alla novità, ed ecco che appare all’orizzonte, puntuale come l’alba di un nuovo giorno, la noia coniugale.
Una coppia per rimanere tale e per non utilizzare il cerotto a termine del tradimento, dovrebbe introdurre il rischio nella stabilità, la novità nell’abitudine, il mistero nella familiarità.
Sostituire le labbra all’aridità dei sensi. Le parole al rumore del silenzio. I sorrisi ai bronci minacciosi. La gentilezza all’ostilità.
L’attesa alla compulsione.
La collaborazione alla competizione. Il gioco alla noia.
Provare per credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Menu
error: Il contenuto è protetto