Quando lui non vuole

Gentile Dottoressa,
ho letto la sua riflessione sulla ricerca di colpe quando ci sono disfunzioni sessuali. Sicuramente ha ragione quando dice che non ci sono colpe ma solo responsabilità di entrambi e che l’ideale sarebbe una terapia di coppia senza aspettare che l’altro “guarisca” e torni a casa come nuovo per ricominciare da capo.
Ma se il partner non ha nessuna intenzione di fare terapia di coppia né terapie di nessun genere e dimostra assoluta indifferenza al problema?
Cosa si fa?

Gentile Lettrice,
a volte si può fare una terapia di coppia anche senza coppia.
Ne avevo già scritto in passato. Non sempre un partner è consapevole o coraggioso, così sgattaiola e l’altro, il più consapevole e anche sofferente, si ritrova a fare la gimcana tra le sue resistenze e fughe dalla realtà è il suo bisogno di felicità.
Questa sorta di prigione ripetitiva non si modifica da sola per magia, ma necessita di un clinico che sappia accogliere questa sofferenza e che sappia dipanare la matassa emozionale che ha causato e poi rinforzato la trappola.
A volte se un partner cambia strategia, ascolto, parole cambia anche l’altro. Non dico che guarisce ma che smette di difendersi dall’altro partner che lo incalza.
Un caro saluto

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.
Chi ha una questione di cuore da raccontarmi e gradirebbe una risposta può scrivere qui.

Altre storie che potrebbero piacerti

Lei mi fa sentire meno sola

Buongiorno Dottoressa, amo seguirla perché mi fa sentire meno sola nel metabolizzare, nel mio cuore, un tema molto delicato: un amore extraconiugale difficile da portare avanti quando nasce il “Noi”.…
Leggi la storia
error: Il contenuto è protetto