Per chi non accarezza sino in fondo

Ci sono carezze e carezze. Ci sono carezze che si fermano in superficie e altre che vanno in profondità. Ci sono mani che fanno finta di toccare, mani che hanno paura di toccare e mani che non toccano. Ma ci sono anche mani parlanti. Quelle mani che vanno sino in fondo, oltre la pelle, oltre le paure, oltre le sofferenze e le richieste mute.
Ci sono mani refrattarie al tatto e al contatto e mani collegate al cuore, che pur rimanendo in superficie vanno in profondità verso l’invisibile.
Ogni mano è strettamente connessa alla storia di vita e del cuore del legittimo prioritario.
Tra le dita che toccano e la pelle destinataria del tocco può esserci uno spazio intermittente in perfetta sintonia con le ferite della pelle e del suo contenuto, può non esserci nessuno spazio, così come può esserci uno spazio abissale, infinito, incolmabile.
Lo spazio del tatto può durare a lungo, anche dopo, anche per sempre verso un tempo infinito, o estinguersi subito, a polpastrello ritratto.
Ci sono poi le carezze sui graffi della vita, sul cuore che ancora duole, sulla pelle che non è mai stata accarezzata. Quelle sono le carezze che riparano, che aggiustano, che ricuciono gli strappi e restituiscono alla vita.
E poi ci sono le persone.
Chi non sa accarezzare, che non ha ricevuto a sua volta nessun abbraccio o cenno di tenerezza quando era bambino, che non sa cosa sia un abbraccio, cosa sia abitare dentro un abbraccio e respirare a pieni polmoni e a cuore spalancato una carezza, o cosa sia ricominciare a sentire e vivere grazie a un abbraccio, a quell’abbraccio, dentro una carezza vera.
Ci sono persone che brandiscono mani per tutti, come se fossero bandiere al vento.
Finte, tutte uguali, superficiali e abusate, sprovviste di intensità e autenticità. Carezze superficiali e galleggianti che non partono da nessun luogo intimo e non arrivano in nessun luogo intimo.
E chi, invece, blandisce con mani e parole. Coloro che accarezzano la pelle per accarezzare il cuore. Ed ecco che appaiono i brividi e si creano i ricordi.
Queste sono le persone che amo. Poche ma vere. Chi accarezza sino in fondo e non ha paura di farlo.

Chi ha piacere di ricevere i miei scritti e video in e-mail, può iscriversi in maniera gratuita alla mia newsletter settimanale e al mio canale YouTube.
Chi ha una questione di cuore da raccontarmi e gradirebbe una risposta può scrivere qui.

4 Commenti. Nuovo commento

  • Manuela Boschian
    18 Marzo 2022 22:38

    …la sua incredibile capacità di esprimere il sentire con le parole… Una riflessione bellissima, grazie!

    Rispondi
  • Marco Mariani
    20 Marzo 2022 23:04

    Lei ha proprio una grande sensibilità, mi piace molto leggere i suoi articoli e questo sito sembra un’oasi di internet.

    Rispondi
    • Valeria Randone
      21 Marzo 2022 07:15

      Grazie per le belle parole.
      Ho cercato sin dall’inizio di renderlo diverso dai siti fatti soltanto per avere un ritorno di pubblicità.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

error: Il contenuto è protetto