Single o soli, coppia o triangolo amoroso.

Nel sotterraneo gioco tra innamoramento e amore, uomini e donne, non sempre sono consapevoli di cosa si innamorano e soprattutto perché, così la scelta del partner rimane sempre un universo complesso e misterioso.
L’innamoramento è un processo caratterizzato da proiezioni di parti proprie sull’altro, ed è difficile discriminare se l’attrazione parte dall’aspetto emotivo, caratteriale, estetico oppure, le spinte emozionali, correlano con profondità dell’inconscio; quando, per l’appunto, “le anime si riconoscono e si scelgono”, come diceva Jung.

  • Cosa si cerca nell’altro affinché possa diventare un compagno di vita?
  • Quali strategie per trasformare l’innamoramento in amore?
  • Quali sono gli ingredienti fondamentali al fine di rendere un amore/legame “longevo”?
  • Un amore può essere immune dal tradimento?
  • Cosa si cerca realmente nell’altro/a?

A quali bisgni assolve il triangolo amoroso?

Sembrerà bizzarro, ma nell’altro si cercano parti di se stessi proiettate sull’altro; la propria parte maschile, se trattasi della scelta di una donna; oppure, la propria parte femminile, se si sceglie un compagno. L’altro diventa portatore di quello che ci manca.
Spesso però la scelta del partner, soprattutto il primo partner o il primo matrimonio, viene regolamentata da scelte miopi, dal forte desiderio di allontanarsi da casa e di diventare genitori.
Nella mia pratica clinica, moltissimi  uomini e donne confusi e sofferenti, mi contattano nella speranza di trovare chiarezza emozionale, perché ingabbiati in “amori paralleli”.
Il famoso o meglio famigerato “triangolo amoroso” ha un significato di tipo compensatorio: l’amante diventa un vero e proprio “pusher di emozioni” in quanto il legame principale risulta essere spesso non appagante e pienamente soddisfacente.
L’amante, colui o colei che ama il protagonista del triangolo amoroso rappresenta il contro altare del partner per caratteristiche fisiche e psichiche e sessuali.
L’amante rappresenta un rifugio dal quotidiano, regala emozioni e fantasie, facilita processi proiettivi e, soprattutto,  non condividendo con lui un quotidiano noioso e faticoso. Nutre il desiderio erotico.

Il sentiero impervio del desiderio sessuale
Il desiderio sessuale segue sentieri complessi, soprattutto per la donna che ha bisogno di tanto altro rispetto all’aspetto genitalico.
L’erotismo per nascere, crescere e sopravvivere all’usura del tempo e del quotidiano, necessita di mistero, di zone d’ombra, di separatezza e di distanza, di proibizioni, elementi che nel rapporto con un amante sono sempre presenti, in chiara contrapposizione a un erotismo domestico, molto spesso addomesticato, scaldato dall’affettività e dall’estrema confidenza.
Molti dei miei pazienti sono spesso attratti dall’intrigo mentale, a volte virtuale, che nutre relazioni d’amore e passioni, talvolta  inconsistenti o estinte sul piano del dialogo e della condivisione.
Gli  amori vissuti via etere, amanti fatiscenti, uomini a cui si erano “tecnologicamente concessi” prima , diventano poi illusorie speranze di felicità eterna dopo. Non sempre questi amori diventano poi dei veri compagni di vita.
Nei casi di confusione estrema e di scelte sofferte, una consulenza psicologica diventa la strada maestra per leggere tra le righe di questi amori.
Con lo scopo di avere degli strumenti in più rispetto alla destabilizzante onda anomala emozionale che coinvolge gli amanti.