Quando l’amante tradisce l’amante

//Quando l’amante tradisce l’amante
  • Quando l'amante tradisce l'amante

Nel mezzo del cammino della vita coniugale può capitare di incontrare un amante.
I motivi sono svariati e dipendono, solitamente, dallo stato di salute o di malattia della coppia.
L’amante può anche di ventare un amante cronico e non volerne sentire di diventare coniuge, difendendo con le unghie e con i denti la sua condizione da privilegiato così composta: erotismo allo stato puro, desiderio struggente ed assenza di quotidiano.
Così, talvolta, l’amante tradisce l’amante.

Oneri ed onori degli amori altri. Le terre dell’altrove

L’Amore che muove le montagne è stato rinchiuso nell’armadio dei tabù, e la fedeltà appartiene ai lontani ricordi.
Abbiamo, invece, amori a termine, amori liquidi, coppie aperte ed il tradimento come terza possibilità del vivere – o sopravvivere – in coppia.
Seguono poi soluzioni pro-legame varie ed eventuali: marito e moglie, separati in casa, coppie aperte, scambisti, divorziati – i coraggiosi e gli economicamente agiati – ed i traditori, occasionali o seriali.
Questi ultimi, sono dei veri instancabili.
C’è chi si innamora davvero e vive amori altri nel tentativo vano di sopravvivere ad un matrimonio estinto o problematico, nella speranza, vana anch’essa, di trasformare l’amante in coniuge.
C’è chi si innamora dell’amore e della seduzione, e c’è chi utilizza il flirt cronico per nutrire l’autostima, l’umore, e lenire la paura della vecchiaia e della morte.
Abbiamo gli amanti narcisisti, che adoperano l’altro per brillare ancor di più, lo prosciugano di energie psichiche e quando non hanno più nulla da vampirizzare lo lasciano per un nuovo partner-preda.
In realtà, non stiamo parlando di Amore.
Seguono i traditori compulsivi o seriali, che pur di sedurre credendo di amare, non si fermano un attimo impegnati nella loro attività preferita: la conquista ad oltranza.

Il copione più frequente: lei ama lui, lui non decide, e lei tradisce lui

Lei ama lui, ma lui non lascia la moglie.
La moglie rappresenta porto sicuro ed il recinto rassicurante per un quotidiano faticoso, così lei, l’amante, per sopravvivere all’attesa ed alla non scelta, cerca – con la mente, non con il cuore – di trovare un altro uomo con cui costruire davvero.
Ed ecco che lui, l’amante, la taccia per fedifraga.
Nel caos più totale dei ruoli e dei bisogni, cerchiamo di capire chi tradisce chi.

  • L’uomo che tradisce la moglie con l’amante?
  • L’amante che tradisce il suo – che suo non è – uomo con un altro uomo?
  • L’amante che tradisce l’amante con la moglie?
  • L’amante che tradisce se stessa nell’attesa di essere scelta?
  • La moglie ignara, tradita dalla vita?

(A scanso di equivoci, i protagonisti possono essere vari ed eventuali, e gli abiti del tradimento possono essere comodamente indossati da tutti: mogli e mariti).
Insomma, sembra esserci un po’ di confusione.

  • Tradire un uomo che ogni sera torna in un’altra casa e si addormenta accanto ad un’altra donna, è tradimento?

Per ogni donna è difficile essere l’amante, l’altra – anche per le più dotate di cinismo ed amor proprio -, colei che viene mistificata, celata, nascosta.
Non scelta, ed anche per un lunghissimo periodo.
Gestire le assenze, i silenzi ed il dolore atroce da giorni rossi da calendario, quando lui, come da manuale, è felicemente in famiglia, non è proprio una passeggiata.

Due relazioni, l’amore in condivisione e la fatica immensa

Se effettuiamo il gioco delle parti, affascinante ma complesso, proviamo a spostare lo sguardo dall’amante che non viene scelta, all’amate che non sceglie.
Non scegliere – non volere o non potere scegliere – non è nemmeno così tanto semplice.
Colui, o colei, che porta avanti due relazioni, talvolta non mente quando dice di non sapere cosa fare, quale vita intraprendere.
Sono uomini sudditi del loro Super Io, dei divieti e dei sensi di colpa, ma sedotti dall’altra metà del cielo. La passione.

Così, non scelgono, fino a quando qualcun altro sceglierà per loro.
La moglie che li lascia.
O l’amante che li tradisce o smette di tessere di giorno e scucire di notte.
Se nessuno sceglie, come spesso accade, l’amore liquido avrà la meglio: un amore diviso tra il desiderio di emozioni e la paura del legame.
Una sorta di sopravvivenza di questo amore accanto, o peggio ancora, ai margini dei rispettivi matrimoni.
La triste cronaca di una morte annunciata.

By |2018-09-17T20:14:17+00:009 luglio, 2018|Categories: Tradimento|

Un commento

  1. Annaura 6 settembre 2018 al 8:51 - Rispondi

    Senza bisogno di tradimenti… il mio amante (ex) mi ha portato al punto di far prendere a me la decisione di chiudere..dicendomi che avevo “deciso tutto io della ns sorte”

Scrivi un commento

error: Content is protected !!