I sabotatori affettivi e gli amori impossibili

I sabotatori affettivi

I sabotatori affettivi amano chi non li ama, e quando vengono ricambiati attaccano il legame e il partner sino alla distruzione più totale.
Si straziano d’amore senza che l’oggetto d’amore sia partecipe alla relazione e soggetto di così tanto sentimento.
I sabotatori affettivi amano chi non ricambia il loro amore. Si ammanettano a passioni totalizzanti e le vivono come se fossero dei pusher di emozioni: l’equivalente di massicce e quotidiane dosi di droga, della quale non vogliono e possono fare a meno.

La sindrome dell’ostaggio

Il rifiuto reiterato (e inconsciamente cercato e perpetuato) nel tempo non insegna loro come cambiare traiettoria e tentare di amare – ed essere amati, soprattutto – in maniera diversa. E gli addii seriali, subiti o facilitati, non diventano forieri di cambiamenti.
Chi insiste e persevera ad amare persone che non le vogliono hanno ricevuto in dote uno stile di attaccamento di tipo dipendente. Insomma, amano la sottomissione, il rifiuto, le maglie della dipendenza.
Per i sabotatori affettivi l’amore va meritato, e loro non lo meritano. Quando vengono ricambiati scatta in loro un bisogno impetuoso di trasformazione: diventano tremendamente distruttivi, nel tentativo di difendere il loro disagio psichico e rimanere nella sabbie mobili della solitudine.
Essere respinti o abbandonati è per loro una sensazione familiare: rievoca rifiuti emotivi precoci e d’infanzia; è come se si sentissero a casa ogni volta.
I sabotatori affettivi non imparano dagli sbagli amorosi e perseverano ad amare chi non ricambia, chi li manipola, chi li distrugge.
Queste esperienze così tanto dolorose sono mosse da quel meccanismo dannato che è la coazione a ripetere. Nonostante la ripetizione inconscia del comportamento, nel sabotatore c’è sempre la speranza di trovare, nella perseverazione, un finale diverso. Magari un lieto fine. Ma ovviamente questo non accade.
Il tormento che regala un (non) amore non corrisposto obbliga il malcapitato a pensare in maniera ossessiva a chi non ha voglia di ricambiare il pensiero, a immaginare cosa fa, cosa dice, cosa pensa, perché non risponde, perché non richiama, perché è intermittente o altrove.
I sabotatori affettivi che amano chi non li ama in realtà sabotano loro stessi.
Il modus operandi amoroso distruttivo o evitante in realtà è un perfetto antidoto alla noia e all’amore. Evita, inoltre, di pendere coscienza di quello che non va in loro stessi.
Senza una distrazione così straziante avrebbero dovuto fare i conti con il vuoto, con l’irrisolto, con i traumi e gli abbandoni dell’infanzia.
Fissazioni, ossessioni, gineprai mentali ed emozionali, deliri e nuclei paranoidei confondono la vita psichica e consegnano il sabotatore al caos indifferenziato.
Imparano a convivere con il dolore ma non si occupano del dolore. Non lo usano per cambiare e per attuare quel faticoso quanto indispensabile processo trasformativo, lo subiscono invano.

Leggi anche:
Hikikomori: quando si smette di abitare il mondo

I Torchbearers: i portatori di una fiamma ardente

I torchbearers sono dei sabotatori affettivi. Sono persone attratte in modo ossessivo e disfunzionale da qualcuno che non è disponibile e che non ricambia.
Questa attrazione a volte non si manifesta in maniera eclatante, soffrono in silenzio, altre volte diventano persecutori: perseguitano la persona di cui sono (falsamente) innamorati sui social o nella vita, fino ad arrivare allo stalking e alle molestie.
Questo tipo di dipendenza affettiva  si basa sull’illusione di non poter essere rifiutati e di poter salvare il malcapitato dalle sue stesse, presunte, paure.
I sabotatori affettivi, in realtà, soffrono di dipendenza affettiva e tendono a distruggere ogni relazione che intrattengono quando diventa troppo intima o vera. Questo può verificarsi dopo il primo appuntamento – scappano via a gambe levate e spariscono nel nulla lasciando il potenziale partner inebetito e attonito – dopo l’intensità della sessualità – la classica fuga in fase post organica – dopo avere ricevuto alcune richieste di maggiore impegno o di continuità del legame da parte del partner.
Le cause dei sabotaggi sono tante e, come sempre, sono da ricercarsi laggiù: nelle terre dell’infanzia. I fattori eziologici che portano allo sviluppo di organizzazioni patologiche di personalità sono sempre delle esperienze traumatiche infantili. Genitori non adeguati sul piano emotivo, precoci abbandoni. Divorzi dolorosi o destruenti, strazi non elaborati. Violenza subita o assistita. Abusi fisici o psichici. Madri o padri disorientati e disorientanti, ambivalenti e scostanti, con chiari problemi di regolazione affettiva.

Spezzone di una consulenza

Elena che non sapeva amare

Elena (nome di fantasia) era una donna che non sapeva amare. Che non riusciva a coniugare testa e cuore nelle sue relazioni.
Amava uomini sbagliati, ne trovava altri giusti al momento sbagliato e sbagliati al momento giusto, di fragilità della sua esistenza.
In realtà la sua esistenza era un continuum di fragilità e di inciampi affettivi.
La madre di Elena era una donna algida e in carriera. Aveva sempre trascurato la famiglia in funziona dei successi lavorativi.
Elena, sin da piccola, soffriva di disturbi del comportamento oro-alimentare. Alternava inappetenza cronica che diventava poi una conclamata bulimia ad abbuffate seriali e notturne che diventavano poi un quadro di bulimia nervosa.
Lo stesso modus operandi lo attuava in amore.
Era iperfagica: si nutriva di uomini, anche non belli, bravi o affidabili, pur di non sentire il vuoto. Ma così facendo il vuoto aumentava a dismisura.
Poi le relazioni naufragavano e iniziava a soffrire e a mangiare senza sosta.
Dopo meno di un mese ricominciava ad amare, e quando qualcuno era davvero interessato a lei, come ogni volta, sabotava il legame.
Faceva di tutto per diventare insopportabile, gelosa, distruttiva, controllante oppure scappava via senza dare nessuna spiegazione. E poi smetteva di mangiare per mesi.

Come imparare ad amare?

Amare dovrebbe essere istintivo e naturale, ma abbiamo visto non essere così. Almeno non sempre.
Per amare ed essere amati bisogna senza ombra di dubbio amarsi. Avere quella dotazione di bordo chiamata amore genitoriale, imprinting affettivo primario, base sicura, dote amorevole fatta di cura e dedizione.
Chi è stato amato poco, male o in maniera intermittente o non è stato amato per niente farà di tutto per sabotare ogni possibile legame amoroso, perché in fondo è atterrito dalla totalità e profondità di un sentimento così intenso come l’amore.
I non amati non sono candidati a loro volta a non amare; ma la cura per il buio del cuore esiste e si chiama psicoterapia.
Dare spazio e ascolto a quel solco profondo di infelicità e trasformarlo in parole significa convertire il destino pericolante di un sabotatore affettivo in opportunità di crescita e di trasformazione. Perché una vita senza amore è come una pianta senza acqua.
Le storie o le persone sbagliate terminano di essere tali soltanto quando smettiamo noi di essere sbagliati, affamati o ammalati.

Leggi anche:
L’erba del vicino è sempre più verde. Ecco a voi l’invidia

 

 

Per ricevere la mia newsletter settimanale potete iscrivervi cliccando sul pulsante sotto se vi fa piacere, vi aspetto.

La newsletter di Valeria Randone

Iscriviti alla mia newsletter

* campo richiesto

1 Commento. Nuovo commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Articoli correlati
Menu
error: Il contenuto è protetto