Camilla: dalla segretezza di uno sgabuzzino al trono reale

E chi lo avrebbe mai detto. Un’amante che non solo diventa moglie ma anche di un re. Dopo decenni di clandestinità, odio a profusione, un ruolo scomodo e per di più con una morte tragica sul cuore. Nonostante ciò, Camilla ce l’ha fatta. Tra odio, ingiurie, un paese diviso in due, lei è lì accanto all’uomo che ha sempre amato e che forse era diventato per lei una sorta di chiodo fisso, un disturbo ossessivo con cui convivere in eterno.

Sei maggio

Era il sei maggio e in mondovisione Camilla viene incoronata regina.
Finalmente per lei, decisamente meno giovane di un tempo ma sempre bionda, ecco che appare il giorno del riscatto, del riconoscimento. Quelle immagini così forti e divisive sembrano l’emblema del tutto può succedere. Di Cenerentola che diventa principessa e sposa il principe. Dell’amante che dismette i panni dell’altra e si trasferisce alla luce del sole.
D’un tratto il mantello dell’invisibilità e della segretezza scompare e la coppia diventa una coppia ufficiale.
A parte Carlo e Camilla che sono coloro che ci sono riusciti e hanno una visibilità e un ruolo scomodo, siamo così certi che per i comuni mortali diventare coniugi e smettere di essere amanti sia così facile e, soprattutto, utile?

Un amore clandestino: Carlo, Camilla e lady Diana

Una storia tormentata e truce. Si incontrano, si innamorano. Carlo e a Camilla si amano e si desiderano nonostante le famiglie d’origine non approvassero ed entrambi fossero già impegnati. Camilla era fidanzata con Andrew Parker Bowles e Carlo viene destinato a una donna scelta da altri al posto suo: la bellissima lady Diana.
Carlo, negli anni, pur rischiando di perdere la corona, vive il suo amore clandestino con audacia e tenacia. In questo triangolo amoroso c’è una vittima più vittima delle altre. E la conosciamo tutti. È lady Diana. Una donna giovane e acerba destinata a un matrimonio impossibile, condannata a una cronica infelicità. Una storia di vita triste, anzi tristissima. Il marito adultero, la bulimia, la solitidine cocente, le sedute di analisi date in pasto ai giornali, e tanto altro che ci ha obbligati a patteggiare per lei.

Leggi anche:
Tradire online, tradimenti virtuali, sofferenza reale. Ridefinire l’infedeltà

Le donne che si amano non si sposano

Una volta un mio paziente avvocato, un uomo dalla personalità e intelligenza scintillante, mi ha detto: “le donne che si amano non si sposano”. Devo dire che per un attimo ho avuto la netta sanzione di avere smarrito la famosa neutralità del curante. Quella frase così audace e lapidaria, detta con uno sguardo consapevole e infuocato, mi era sembrata un affronto, un insulto a tutte le donne. Poi, pian piano, ho ascoltato le sue argomentazioni e ho capito. Mi spiegava con le sue parole quello che nel mio linguaggio si chiama conflitto tra idealità e realtà.

Il conflitto tra idealità e realtà

Le o gli amanti vivono nelle terre dell’altrove scevre dalla quotidianità. Vivono nell’etere con una quota di fisicità fortemente anelata e intermittente (gioco di ruoli che nutre il desiderio e il legame). Vivono in lussuose camere di hotel, in uffici ben arredato durante la pausa pranzo, in perenne tacco dodici o abito scuro. Non indossano il pigiama felpato e infeltrito. Non mettono fuori la spazzatura o litigano per le cose da fare in casa. Non hanno figli urlanti in casa anche se li desirerebbero come coronamento del loro sogno. Si nutrono di proibizioni e di desiderio.
Si alimentano giorno dopo giorno, istante dopo istante, di condivisione e di desiderio, di attese e di email struggenti.
La fascinazione è data dalla proibizione e dal ruolo, dalle dinamiche di coppia e dall’impossibilità di avere il partner tutto per sé.

Amori part-time e gelosa

Questi amori ad alta intensità erotica sono amori a bassa stabilità emotiva. Trascinano sulle montagne russe della passione e del cuore: emozioni e abissi. Baratri e risalite.
Le donne che si accontentano – ma questo è un altro discorso, non vale per Camilla – sono donne che soffrono di dipendenza affettiva e che si nutrono di relazioni clandestine perché pensano di non poter meritare di più.
Relazioni che seguono il passo zoppo del cuore, di un passato familiare irrisolto e che tentano di compensare vuoti inenarrabili.
Quando puoi queste donne smetteranno di sentirsi sbagliate e inizieranno a volersi più bene, sceglieranno amori sani.

Leggi anche:
Matrimonio liquido: se mia moglie mi tradisce con una donna, tra tradimento e gioco erotico

Una corona per tutte le donne invisibili

Camilla con la sua tenacia e caparbia ha indossato una corona. Lo ha fatto dinanzi al mondo intero ed è stata riconosciuta. Sono seguiti dibattiti televisivi, litigi pubblici, strappi divisivi e polemici dell’opinione pubblica, ma lei, Camilla, è stata la paladina della giustizia delle ingiustizie del cuore.

P.S: su queste tematiche ho scritto due libri. Anima in affitto, e se la punizione fosse sposare l’amante? Ex/forse ex. Gli amori affamati.
Il primo narra della fascinazione da ruolo. La voce narrante è l’amante, una sorta di coro di tutte le mie pazienti donne che sono state amanti e non scelte. Il secondo è il racconto del riscatto, della guarigione, del cammino di consapevolezza: dalla dipendenza affettiva all’audacia del vivere.

Seguimi su Facebook (clicca qui) e su Instagram (clicca qui) e guarda le mie foto.

Per ricevere la mia newsletter settimanale potete iscrivervi cliccando sul pulsante sotto se vi fa piacere, vi aspetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Articoli correlati

Consulenza online

Da oggi è possibile chiedere una consulenza online in tutta privacy e con la professionalità di sempre
Scopri di più
close-link
error: Il contenuto è protetto